censure anime – YU-GI-OH – Censure Audio

Le Censure di YU-GI-OH

Materiale inviato da: Greendragon.

yugioh1 yugioh2 yugioh4 yugioh5 yugioh6
yugioh7 yugioh8 yugioh9

CENSURE AUDIO

censure_audio

COLONNA SONORA
A differenza degli anime trasmessi attualmente a casa nostra, che conservano integra la colonna sonora originale giapponese, a Yugioh la colonna sonora è stata completamente rifatta. E per completamente rifatta intendo dire che non è rimasto neanche un secondo di musica originale. Ora: nel caso in cui avessero sostituito una musica mediocre, rappeggiante (tipo quella della nostra versione, per intenderci) con una di pari livello, potremmo prendercela per il cambiamento in sé, ma non è che per la qualità della serie sarebbe poi una gran perdita….Ma chiunque abbia presente la colonna sonora originale di Yugioh sa benissimo che rispetto alla nostra siamo su di un altro pianeta. Io credo infatti che uno dei maggiori punti di forza della serie giapponese, ciò che la rende in molte circostanze così affascinante, sia proprio la colonna sonora. Firmata Shinkichi Mitsumune (Rozen Maiden, Utena, etc.), quasi esclusivamente orchestrale, spazia da brani di musica classica, con violini o pianoforte, veramente suggestivi e malinconici, ad altri che sono una vera esplosione di strumenti, che danno alle scene grande pathos ed intensità; oppure brani decisamente inquietanti, dalle note paurose e dark, o ancora brani rock, oltre a molte musiche ovviamente ispirate all’Antico Egitto, davvero molto belle ed evocative. Insomma, mentre la colonna sonora originale ha decine e decine di brani, tra loro molto diversi e spesso di notevole qualità, che accompagnano la serie enfatizzandone il lato emotivo e colorando le scene di suggestioni sempre diverse, la nostra colonna sonora si può tranquillamente riassumere in un unico tremendo brano digitale (non perché sia davvero uno solo, ma perché non si nota praticamente alcuna differenza tra uno e l’altro-_-), che suona sempre allo stesso modo, che si rida o che si pianga, nelle scene tranquille o in quelle d’azione, e che viene riciclato allo sfinimento per tutta la serie. Da qui il senso di tremenda monotonia, di piattume, che si percepisce guardando la nostra versione. Tra l’altro, a questo bisogna aggiungere il fatto che in molti momenti drammatici o profondi della serie la censura ha messo appositamente una musica leggera e spensierata di sottofondo, proprio per smorzare il senso di angoscia, serietà o pericolo che le scene avrebbero dovuto invece suscitare.

EFFETTI SONORI
Abbiamo tolto la colonna sonora? Beh, allora perché non togliamo anche gli effetti sonori originali già che ci siamo? In effetti, eliminando tutta la base musicale, è venuto da sé che anche gli effetti sonori siano diventati “modificabili”. Nella stragrande maggioranza dei casi gli effetti sonori rimangono quelli originali, ma essendo coperti dalla nuova colonna sonora non si sentono più, o si sentono molto meno che nell’originale. Può sembrare una stupidaggine, ma vi assicuro che non lo è, perché sentire distintamente gli effetti sonori di una serie aggiunge molto realismo alle scene (provate a vedere il duello originale tra Mahado e Bakura nell’ultima serie, quello in cui le lame oscillano dal soffitto..e poi mi dite se l’effetto è il medesimo).
In altri casi invece gli effetti sonori sono stati proprio cambiati: a volte per motivi di censura, perché tutti quei suoni che evocavano spari, o schiaffi e pugni,o rumori violenti ad esempio, sono stati eliminati o coperti (mancando ovviamente le scene in questione), ma altre volte proprio senza motivi apparenti: per fare un esempio, addirittura la suoneria del cellulare di Anzu, che nell’originale è una versione “mini” della seconda opening della serie, è stata sostituita con una melodia completamente diversa! Oppure la melodia su cui la stessa Anzu balla nella sala giochi, che anche nell’originale non è che un innocuo brano di musica elettronica che dura un minuto scarso, hanno ritenuto bene di cambiare.. Oppure rumori di spari che diventano strani soffi, seghe circolari che diventano sibili, morsi che diventano gorgoglii e via dicendo… Ma anche varie situazioni in cui si sentono di sottofondo suoni inequivocabilmente giapponesi o alcune parole di mostri “umanoidi” hanno subito cancellazioni e modifiche. Capita infatti che ci siano mostri, di aspetto umano, che dicono qualche parola in giapponese (formule magiche o nomi di colpi), che sono stati eliminati e sostituiti con strani brontolii o boati senza significato. Cosa si fa pur di non sentire una parola in giapponese!

SIGLE
Per chi non lo sapesse, i signori che hanno effettuato le censure di Yugioh sono gli stessi che hanno curato l’adattamento americano di One Piece (altra penosa parentesi nella storia dell’animazione). Quando venne sottoposto ai “capoccia” della 4Kids il problema di “che sigla dare a One Piece” vinse la proposta di una sigla digitale e discotecara perché, a detta dei responsabili, molto più orecchiabile al pubblico. Questo solo per dire che, né più né meno, a Yugioh è successa la stessa cosa.
La versione originale dell’anime ha 5 opening e 5 ending rispettivamente, che sono diventate con l’adattamento un’unica sigla per 224 episodi, sia per gli americani sia per noi. Infatti in Italia è arrivata la sigla discotecara made in Usa,che è stata riproposta da noi con una sigla altrettanto discotecara e pacchiana (al di là del mio odio per come Yugioh è stato trattato, una delle peggiori che io abbia mai sentito sfornare da Mediaset) che copre l’intera serie…e che non assomiglia neanche da lontano all’atmosfera che le sigle originali vogliono dare all’anime. Comunque sia non credo sia questa la sede per giudicare la qualità della sigla (considerando, tra l’altro, che per adesso neanche noi in Italia siamo riusciti ad avere le sigle originali degli anime che importiamo, e che sono sempre infinitamente più belle): qui infatti voglio limitarmi ad una considerazione che ha a che fare strettamente con la censura. Perché anche la sigla ha la sua responsabilità nell’immagine che è stata data alla serie, e se è vero che la sigla è il biglietto da visita di un anime, Yugioh non poteva presentarsi al pubblico in modo peggiore. Forse sarà una sigla che calza a pennello alla nostra versione, ma affiancata a quello che è l’anime originale gli fa fare un vertiginoso tonfo verso il basso. Ciò che salta maggiormente all’occhio è che se guardate le sigle originali vi rendete subito conto del fatto che C’E’ UNA STORIA nell’anime mentre, se guardate la nostra, le immagini che hanno a che fare con carte e mostri tengono banco per l’80 % della scena…più che mostri, carte ed effettoni speciali non vedete. Anche in questo caso è ovvio che l’aspetto cui si è voluto dare risalto è stato il gioco di carte, per cui, chi non conoscesse l’anime e dovesse giudicare solo dalla sigla, in originale sarebbe portato senza riserva ad avvicinarvisi, mentre da noi una buona percentuale cambia già canale convinto di trovarsi davanti ad una nuova stupidata commerciale…

DOPPIAGGI
Quello che voglio fare qui non è di certo mettermi a giudicare la qualità dei doppiaggi: si sa che i doppiaggi giapponesi sono sempre molto buoni, e anche in Yugioh il cast fa davvero un eccellente lavoro, che non è eguagliabile nella nostra versione. Almeno, spezzando una lancia per i nostri doppiatori, il risultato è decisamente migliore di quello americano, perché abbiamo voci che in vari casi tendono ad assomigliare a quelle originali. Quello di cui mi interessa parlare qui, piuttosto, è di quei doppiaggi in cui i personaggi hanno ricevuto una voce completamente diversa da quella originale per motivi di censura. Purtroppo le voci italiane sono state scelte seguendo la base americana, quindi capita che il personaggio tal dei tali, che in originale ha una determinata voce, negli USA ne abbia una completamente diversa, e di conseguenza ne ha una completamente diversa anche in Italia. E ovviamente l’impressione che danno i personaggi che hanno subito questa modifica cambia moltissimo da una versione all’altra. Per fare un esempio, un personaggio che rientra in questa categoria è Pandora (Arcana): nell’originale ha una voce molto profonda e distinta, mentre da noi ha una voce terribilmente buffa e stridula, perché si voleva dare l’idea che, invece di una persona profonda come si scopre essere, non fosse niente più che un pagliaccio da circo. Oppure la seconda personalità di Malik, la cui voce giapponese (a mio dire assolutamente sublime) è capace di far accapponare la pelle, folle ed inquietante com’è, del tutto in linea con la figura squilibrata del personaggio… mentre da noi, pur essendo “incattivita”, è una voce che suona dal timbro sano e normalissimo. Il perché di questo cambiamento? Per i soliti motivi…A volte perché alcuni personaggi davano di sé un’idea diversa da quella che avrebbe voluto far passare la censura, altre volte perché, come dimostra il caso della seconda personalità di Malik (a cui, per motivi analoghi, sono state tolte scene e battute a bizzeffe), la voce originale era “troppo” inquietante o sadica. Un caso tra i tanti di vera e propria censura, passatemi il termine, “vocale”…

Lascia una recensione

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca prima su "maggiori informazioni" e poi su "Accetto" se desideri continuare MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per informazioni vedi Privacy Policy

Chiudi