censure anime – YU-GI-OH – Personaggi

Le Censure di YU-GI-OH

Materiale inviato da: Greendragon.

yugioh1 yugioh2 yugioh4 yugioh5 yugioh6
yugioh7 yugioh8 yugioh9

PERSONAGGI

Questa sezione è dedicata a mostrare i danni che l’adattamento ha causato ai personaggi: non solo modifiche di nomi, ma veri e propri sconvolgimenti di personalità, caratteri, storie personali, ruoli all’interno della serie. I personaggi di Yugioh, chi più chi meno, sono stati davvero martoriati dalla censura, al punto che, in alcuni casi, sarebbero quasi irriconoscibili da una versione all’altra. Da chi è stato semplificato e reso infantile a chi è stato privato della sua complessità psicologica, da chi ha perso per strada il carattere originale a chi ha avuto il passato riscritto, i personaggi di questa serie hanno subito, tra le varie censure effettuate a questo anime, alcune tra le modifiche più pesanti, e proprio per questo credo che il loro caso meriti un’attenzione particolare.

PERSONAGGI: NOMI

In questa pagina ho indicato i nomi dei personaggi della serie, rispettivamente nella versione originale e censurata. Accanto ad alcuni nomi troverete un numero: significa che per qualche motivo il cambiamento del nome al personaggio ha avuto dei risvolti sulla storia dell’anime, oppure che attorno al nome, originale o censurato, c’è un significato che mi sembra importante o interessante spiegare, e per il quale rimando a una nota a fondo pagina.

PERSONAGGI PRINCIPALI

VERSIONE GIAPPONESE
VERSIONE CENSURATA (americana ed europea)
Yugi Mutou
Yugi Muto
Mou Hitori no Yugi (l’altro Yugi) / Namonaki Farao (Faraone Senza Nome) / Atemu
Yami (1)/ Yugioh/ Faraone / Atem
Katsuya Jounouchi
Joey Wheeler
Anzu Mazaki
Tea Gardner
Hiroto Honda
Tristan Taylor
Ryou Bakura
Bakura
Seto Kaiba
Seto Kaiba
Mokuba Kaiba
Mokuba Kaiba
Mai Kujaku
Mai Valentine (2)
Otogi Ryuji
Duke Devlin
Shizuka Kawai
Serenity Wheeler
Malik Ishtar
Marik Ishtar (3)
Isis Ishtar
Ishizu Ishtar
Rishid Ishtar
Odion Ishtar
Sugoroku Mutou
Salomon Muto (4)
Pegasus J. Crawford
Maximillion Pegasus (5)
Shadi
Shadi

PERSONAGGI SECONDARI

VERSIONE GIAPPONESE
VERSIONE CENSURATA (americana ed europea)
Dartz
Dartz
Raphael
Raphael
Amelda
Alister
Valon
Valon
Rebecca Hopkins
Rebecca Hawkins
Arthur Hopkins
Arthur Hawkins
Insector Haga
Brukido Haga
Dinosaur Ryuzaki
Rex Raptor
Kajiki Ryouta
Mako Tsunami
Noah Kaiba
Noah Kaiba
Gozaburo Kaiba
Gozaburo Kaiba
Bandit Keith
Bandit Ken
Player Killer
Panic
Pandora
Arcana (6)
Maschera della Luce e Maschera dell’Oscurità
Luce e Ombra
Il Pupazzo Muto
Il Silenzioso
Cyndia Crawford
Cecilia Pegasus (7)
Isono
Roland
Saruwatari
Kemo
Ghost Kotsuzuka
Bonz
Takaido
Sid
Satake
Zygore
Shimon
Shimon
Mahado
Mahad
Shada
Shada
Isis
Iside
Akhunadin
Akhunadin
Karim
Karim
Il Drago del Cielo di Osiride
Slyfer Drago del Cielo (8)
Il Dio Drago Alato di Ra
Il Drago Alato di Ra
Il Soldato Divino dell’Obelisco
Obelisco del Tiranno
Il Dio Creatore della Luce Horakhti
La Creatrice della Luce (9)
Zorc Necrofade
Zorc

1 – Il nome “Yami”, spesso utilizzato nella nostra versione per riferirsi al personaggio (e nome con cui il personaggio stesso da noi dice di chiamarsi, tra l’altro), è un’invenzione totale della censura. Nell’originale nessuno, mai e per nessun motivo chiama lo spirito che vive nel Puzzle “Yami”. Inoltre, il fatto che la censura abbia dato un nome ad un personaggio il cui scopo nella storia è appunto ricordare quale sia il proprio nome perduto, ha comprensibilmente causato un vero disastro alla trama della serie. Tutti, prima di scoprire il suo vero nome (Atemu), lo chiamano “altro Yugi” (Mou hitori no Yugi), mentre Yugi lo chiama “altro me stesso” (Mou hitori no boku).
La versione censurata si riferisce al personaggio anche come “Yugioh”, ma anche questa è un’incomprensibile trovata dell’adattamento: nell’originale infatti la parola non indica il nome di nessuno, ma solo il titolo dell’anime.
Neanche il nome “Faraone”, che viene ampiamente usato nella nostra versione da Yugi, amici e altri personaggi per riferirsi a lui, viene utilizzato nell’originale. Nella serie giapponese viene chiamato così solo nella saga finale, dai suoi servitori e sacerdoti, mentre viene chiamato “Namonaki Farao”, cioè “Faraone Senza Nome”, da Dartz e dai suoi tre seguaci nella saga di Doma.

2 – Il nome di questo personaggio nella versione censurata è stato cambiato solo per creare un gioco di parole “divertente”: il cognome Valentine infatti è stato dato per far coppia con il nome (Mai) e rimandare così alla frase “My Valentine”, ossia “mia valentina”… Trovo invece che il cognome giapponese molto meglio si adatti al carattere estroverso e “fisicamente appariscente” del personaggio: “kujiaku” in giapponese significa infatti “pavone”.

3 – Semplice nota linguistica: in giapponese le lettere “l” e “r” sono equivalenti nella pronuncia, e ciò significa che “Marik” non è sbagliato comunque. Tuttavia, poiché nell’originale il nome del personaggio è sicuramente Malik, dal momento che si tratta di un tipico nome arabo, la censura poteva tranquillamente lasciarlo così com’era. Nella sezione io adotterò sempre per il personaggio il nome Malik. Anche il nome Ishizu non è del tutto scorretto: pur non essendo giusto, “ishizu” è comunque la traslitterazione della pronuncia di “Isis” in giapponese.

4 – Il nome del nonno di Yugi, Sugoroku, in giapponese ha un significato che ha di nuovo a che fare con i giochi, in linea con lo spirito della serie, e che si perde nella versione censurata. Il “sugoroku” è infatti un gioco tradizionale giapponese simile al backgammon.

5 – Ecco un altro nome che è stato cambiato in maniera ingiustificata solo per creare un riferimento che fosse “divertente” per il pubblico. La censura infatti ha deciso di chiamare il personaggio Maximillion solo perché voleva dare l’idea che l’uomo fosse ricco (maxi – million)… Al contrario, il nome del personaggio nell’anime originale è stato scelto apposta dall’autore per rendere un tributo all’autore di Magic: The Gathering, a cui si è ispirato il gioco di carte di Yugioh. Il numero di lettere che compongono rispettivamente il nome e il cognome di Pegasus, che nella storia ha creato il gioco, è infatti stato scelto perché uguale al numero di lettere che compongono il nome e il cognome del creatore di Magic.

6 – Questo personaggio è il seguace di Malik che incatena Yugi in un’arena sotterranea costringendolo ad un duello in cui al perdente verranno amputate le gambe da una sega circolare, e da cui è possibile salvarsi solo grazie ad una chiave contenuta in una scatola posta ai piedi dei giocatori. Nonostante si tratti di un personaggio secondario, la censura, cambiando il nome, ha spazzato via un significato interessante del duello in cui l’uomo prende parte. Nella versione giapponese, infatti, egli paragona sé stesso alla mitica Pandora, che nella mitologia greca, disobbedendo agli ordini di Zeus, aprì il vaso contenente tutti i mali del mondo, sul cui fondo alla fine rimase solo la “speranza”. La scatola che contiene la chiave che può salvare dalla morte uno dei due duellanti diventa infatti il “vaso di Pandora”, e la chiave “la speranza”, unica cosa che resta a chi vuole salvarsi la vita. Nell’originale, durante queste associazioni fatte dal personaggio, scorrono delle immagini che richiamano la vicenda legata alla mitologia greca, e che sono state tagliate dalla censura. Nella nostra versione, chiamandosi Arcana, tutto questo discorso simbolico legato al personaggio e al duello non ha infatti più alcun senso.

7 – Il nome della donna amata da Pegasus nell’originale è stato dato dal creatore di Yugioh per divertirsi ad usare un’evidente similitudine con la modella Cindy Crawford. Con la modifica del nome nella versione censurata non è più possibile cogliere l’associazione.

8 – Ecco l’esempio lampante di come una trovata stupida e gratuita da parte degli adattatori abbia rovinato non solo il nome originale della Divinità, cioè Osiride, ma abbia anche finito per influenzare la storia dell’anime e distruggere il significato del finale….
Ma non solo: a peggiorare ulteriormente le cose sta il fatto che “Slyfer”, nome che ha la creatura nella nostra versione, è stato dato dai censori sulla base di Roger Slifer, il produttore esecutivo della 4Kids Entertainment (perciò il maggiore responsabile della disastrosa censura dell’anime). No comment…

9 – La censura, nel caso di questa divinità, ha lasciato solo l’attributo ed eliminato il nome principale, Horakhti, togliendo così all’anime un altro riferimento alla mitologia egizia. Horakhti è infatti, nella mitologia egizia, una manifestazione di Ra, supremo dio della Luce e della Vita, e contemporaneamente del dio falco Horus, elemento che viene ripreso nell’anime dall’aspetto della divinità, che ha le sembianze umane e di falco al tempo stesso.

immagine-nomi-personaggi

1
Lascia una recensione

Please Login to comment
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Carlo_Manigoldo Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
più nuovi più vecchi
Notificami
Carlo_Manigoldo
Bazarino
Carlo_Manigoldo

Voglio far notare (se potete aggiungerlo fatelo perché è interessante) il nome italiano ufficiale della carta di Horitaki (cioè quello usato nella commercializzazione in Italia nei mazzi del gioco Yugioh) è al maschile (Horakhty, Il Dio Creatore della Luce), pweer quanto Horitaki abbia sembianze femminili.
La cosa strana è che di solito il doppiaggio italiano usa i nomi ufficiali delle carte che vengono vendute in italia (a parte Resuscita-Mostro)…. Veramente strano!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca prima su "maggiori informazioni" e poi su "Accetto" se desideri continuare MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per informazioni vedi Privacy Policy

Chiudi