Le frasi più belle da – MAX PAYNE – saga

Per aggiungere una citazione da questa opera, inseriscila come commento qua sotto. Avvisa se ci sono spoiler!

3 Comments

  1. Marichan
    Commento di Marichan :

    ATTENZIONE PICCOLI SPOILER!

    “Gognitti correva terrorizzato, ma con un proiettile infilato nello stomaco come una bottiglia di tabasco spezzata, non poteva correre a lungo. Gli concessi la libertà provvisoria, ma non se la sarebbe goduta a lungo; per gli angeli non so, ma per gli uomini è la paura che mette le ali!”
    – Max Payne –

    “Il barista si è lucidato e i sogni sono fatti di negromanti storti, canta come una banana twist che si è avvicinata troppo alla costellazione dei loro negri teschi rasati, la pioggia di rane è cessata e ora tocca a quella di sangue, segui le labbra e poi non ci sarò più!”
    – Max Payne –

    “La regola del buco: Non importa quanto tempo ci metti a uscirne, puoi sempre ricaderci in un istante.”
    – Max Payne 2 –

    “Quando ti svegli, hai una visione confusa del mondo. Quello che era logico nel sogno diventa insensato. Nessun salvataggio surreale. Nessuna magica via di uscita… sei sveglio.”
    – Max Payne 2 –

    “Era rimasta una sola cosa da fare. Fui costretto a ridare a Vlad la sua pistola. Un proiettile alla volta.”
    – Max Payne 2 –

  2. Marichan
    Commento di Marichan :

    “Il passato è come un buco nero. Puoi provare a scappare, ma più corri, più questo cresce terribilmente alle tue spalle, e lo senti sfiorarti i talloni. L’unica via di uscita è quella di voltarsi e affrontarlo… Ma è come guardare dentro la tomba della donna che ami”:
    – Max Payne 2 –

    “Il passato è come un puzzle, come uno specchio rotto. Mentre lo metti insieme ti tagli, un’immagine riflessa in continuo movimento. E tu cambi con lei. Potrebbe distruggerti, farti diventare pazzo… ma potrebbe anche salvarti”.
    – Max Payne 2 –

  3. Marichan
    Commento di Marichan :

    SPOILER!
    “L’ultimo colpo fu come il punto esclamativo a chiusura di tutto quello che era successo. Allentai la presa sul grilletto, era tutto finito….”
    – dal finale di “Max Paine 1” –

Lascia un commento