Leggende Orientali – L’ABITO DI PIUME

Leggenda dal Giappone

Tradotta da Dario55

L’ABITO DI PIUME

Era primavera, e sulle sponde di Mio coperte di pini si udiva il canto degli uccelli. Il mare blu danzava e scintillava ai raggi del sole, e Hairukoo, un pescatore, si mise a sedere per godersi la scena.
Appena fu seduto lo sguardo gli cadde su un bell’abito fatto di piume di un bianco immacolato.
Mentre Hairukoo stava per raccoglierlo, vide venire dal mare verso di lui una ragazza molto graziosa che gli chiese di restituirle l’abito.
Hairukoo guardò la ragazza con la più grande ammirazione, ma disse:
«Ho trovato quest’abito e intendo tenerlo perché è una meraviglia da annoverare tra i tesori del Giappone. No, non posso restituirtelo».
«Oh», cominciò a piangere la ragazza, «non posso librarmi verso il cielo senza il mio abito di piume, e se continui a tenertelo, non potrò mai far ritorno alla mia dimora celeste. Ti prego, buon pescatore, ti prego, restituiscimi il mio abito».
Il pescatore, che doveva essere un tipo duro di cuore, rifiutò di cedere.
«Più supplichi», disse, «più resterò fermo nella decisione di tenermi quello che ho trovato!»
Allora la ragazza rispose:
«Ah, caro pescatore, non parlare così! Le mie ali mi sono state rubate e io tento, ma invano, di librarmi verso i pascoli blu del cielo, proprio come un uccello sventurato le cui ali si sono spezzate».
Dopo altre argomentazioni come questa il cuore del pescatore s’intenerì un po’.
«Ti restituirò l’abito di piume», disse, «se prima ballerai per me».

L’abito di piume

Allora la ragazza rispose:
«Eseguirò la danza che fa girare in tondo il Palazzo della Luna, così anche un misero mortale come te potrà apprenderne i misteri. Ma non posso danzare senza le mie piume».
«No», disse l’uomo, «se ti do l’abito volerai via senza aver danzato per me».
Questa affermazione fece arrabbiare moltissimo la ragazza.
«Un mortale può mancare alla sua parola», disse, «ma non c’è falsità nelle creature celesti!»
A queste parole il pescatore fu preso dalla vergogna e senza altre obiezioni diede alla ragazza il vestito di piume.
Appena la ragazza lo ebbe indossato, iniziò a suonare uno strumento musicale e a danzare, e mentre danzava e suonava, cantava di molte cose strane e affascinanti che descrivevano la sua casa lontana sulla luna.
Cantava del poderoso Palazzo della Luna, dove regnano trenta sovrani, quindici vestiti di bianco quando c’è la luna piena e quindici vestiti di nero quando c’è la luna nuova.
Mentre cantava e danzava, benediceva il Giappone, “affinché la terra possa donargli raccolti sempre più abbondanti”.
Il pescatore non poté deliziarsi a lungo con questa piacevole esibizione e della bravura della Signora della Luna, perché ben presto i suoi graziosi piedini smisero di muoversi sulla sabbia. Si sollevò nell’aria con le piume bianche del suo abito che brillavano verso i pini e poi verso il cielo.
Salì sempre più in alto, continuando a cantare e suonare, oltrepassò le cime dei monti, ancora più in su, finché il suo canto tacque, finché raggiunse il glorioso Palazzo della Luna.

FINE

Immagine proveniente dal sito http://www.sherina.com

Lascia una recensione

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca prima su "maggiori informazioni" e poi su "Accetto" se desideri continuare MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per informazioni vedi Privacy Policy

Chiudi