Leggende Orientali – ROKURO-KUBI

Leggenda dal Giappone

Tradotta da Dario55

ROKURO-KUBI

Circa seicento anni fa c’era un samurai che si chiamava Isogai Heidazaemon Taketsura e prestava servizio presso il Signore Kikuji di Kyushu.
Isogai aveva avuto molti antenati guerrieri e da loro aveva ereditato un’attitudine naturale agli esercizi militari e una forza straordinaria. Quando era ancora un ragazzo, aveva superato i genitori nell’arte della spada, nel tiro con l’arco e nell’uso della lancia e aveva manifestato un eccezionale talento nell’arte militare. In seguito, all’epoca della guerra di Eikyo (1) si distinse a tal punto che gli furono conferiti alti onori. Ma quando la casa di Kikuji cadde in rovina, Isogai si trovò senza un padrone. Avrebbe potuto facilmente entrare al servizio di un altro daimyo, ma dato che non aveva mai cercato di distinguersi per il puro piacere personale e il suo cuore restava fedele al suo precedente padrone, preferì andarsene in giro per il mondo. E così si tagliò i capelli e divenne sacerdote, prendendo il nome buddista di Kwairyo.
Ma sotto il koromo (2) del sacerdote Kwairyo manteneva sempre dentro di sé il cuore caldo del samurai. Come in passato aveva riso dei rischi, così pure ora disprezzava il pericolo, e in ogni tempo e ogni stagione viaggiava per predicare la Buona Legge in luoghi in cui nessun altro sacerdote avrebbe osato avventurarsi. Perché quella era un epoca di violenze e tumulti, le strade non erano sicure per il viaggiatore solitario, anche se era un sacerdote.
Durante il suo primo lungo viaggio, a Kwairyo capitò di visitare la provincia di Kai (3). Una sera, mentre stava viaggiando attraverso le montagne di quella provincia, lo sorprese l’oscurità in un distretto disabitato, a chilometri di distanza da qualsiasi villaggio. Così si rassegnò a trascorrere la notte sotto le stelle, e trovato che ebbe un luogo erboso adatto a lato della strada, si sdraiò e si preparò a dormire. Non aveva mai avuto paura delle scomodità e gli andava bene anche dormire su una nuda roccia, se non riusciva a trovare niente di meglio, e per lui la radice di un pino era un ottimo cuscino. Il suo corpo era come l’acciaio, e non si era mai preoccupato di rugiada, pioggia, gelo o neve.
Si era appena coricato, quando un uomo arrivò lungo la strada portando un’ascia e un grande fascio di legna tagliata. Il taglialegna si fermò vedendo Kwairyo sdraiato e, dopo averlo osservato per qualche istante in silenzio, disse con un tono molto sorpreso:
«Che razza di uomo puoi essere, mio buon signore, se hai il coraggio di sdraiarti da solo in un posto come questo? È frequentato da apparizioni e spettri, moltissimi, non hai paura delle Cose Pelose?»
«Amico mio», rispose gentilmente Kwairyo, «sono solo un sacerdote itinerante, un “Ospite delle Nuvole e dell’Acqua”, come ci chiama la gente: Unsui-no-ryokaku.4 E non ho il minimo timore delle Cose Pelose, se intendi spiriti maligni in forma di volpi o di tassi, o altre creature del genere. E quanto ai luoghi solitari, mi piacciono: sono adatti alla meditazione. Sono abituato a dormire all’aria aperta e ho imparato a non temere per la mia vita».
«Devi essere davvero un uomo coraggioso, onorevole sacerdote», replicò il taglialegna, «per metterti a dormire qui! Questo posto ha una cattiva fama, molto cattiva. Ma come dice il proverbio: “Kunshi ayayuki ni chikayorazu” [“L’uomo che occupa una posizione elevata non deve esporsi inutilmente al pericolo”], e ti posso assicurare, mio signore, che è molto pericoloso dormire qui. Perciò, anche se la mia casa non è altro che una piccola e misera capanna, permettimi di pregarti di venire a casa con me. Non posso offrirti nulla da mangiare, ma troverai almeno un tetto sotto cui potrai dormire senza pericolo».
Aveva parlato con molta serietà, e Kwairyo, apprezzando il tono gentile dell’uomo, accettò la sua modesta offerta. Il taglialegna lo guidò lungo uno stretto sentiero, che conduceva dalla strada principale attraverso il bosco che ricopriva la montagna. Era un sentiero selvaggio e pericoloso, che a volte costeggiava precipizi, altre volte non offriva altro che una rete di radici scivolose per fermarsi a riposare, e altre volte ancora serpeggiava al di sopra o attraverso ammassi di rocce frastagliate. Ma alla fine Kwairyo si trovò su uno spazio aperto in cima a una collina con la luna piena che brillava su di lui e vide davanti a sé una piccola e modesta capanna gradevolmente illuminata dall’interno. Il taglialegna lo condusse a una tettoia sul retro della casa, dove arrivava l’acqua attraverso tubi di bambù collegati a un ruscello vicino, e i due uomini si lavarono i piedi. Al di là della tettoia c’era un orto e un boschetto di cedri e bambù, e oltre gli alberi s’intravedeva lo scintillio di una cascata che scendeva dall’alto e ondeggiava alla luce della luna come un lungo abito bianco.
Quando Kwairyo entrò nella capanna insieme alla sua guida, vide quattro persone, uomini e donne, che si riscaldavano le mani a un piccolo fuoco acceso nel ro5 della stanza principale. S’inchinarono leggermente al sacerdote e lo salutarono con il massimo rispetto. Kwairyo si stupì che persone tanto povere e che vivevano così isolate dal mondo conoscessero le forme cortesi di saluto. “Questa è brava gente”, pensò, “e devono essere stati istruiti da qualcuno che ben conosceva le regole della buona educazione”. Poi, rivolgendosi al suo ospite, l’aruji o padrone di casa, come lo chiamavano gli altri, disse:
«Dal tuo modo gentile di parlare e da questo benvenuto pieno di cortesia che mi è stato dato dai tuoi immagino che tu non sia stato sempre un taglialegna. Forse in passato facevi parte di una delle classi superiori?»
Sorridendo il taglialegna rispose:
«Non ti sei sbagliato, mio signore. Anche se ora vivo in queste condizione, un tempo sono stato una persona di una certa distinzione. La mia storia è la storia di una vita rovinata, rovinata da un errore da me commesso. Ero al servizio di un daimyo e il mio grado al suo servizio era tutt’altro che basso. Ma mi piacevano troppo le donne e il vino e accecato dalla passione mi comportai in modo malvagio. Il mio egoismo portò alla rovina della nostra casa e provocò la morte di molte persone. La punizione mi colpì, e per lungo tempo continuai a fuggire attraverso il paese. Ora prego spesso di avere la possibilità di riparare in qualche modo al male che ho fatto e di ricostruire la casata dei miei antenati. Ma ho paura che non troverò mai un modo per farlo. Tuttavia mi sforzo di superare il karma dei miei errori con il pentimento sincero e di aiutare per quanto posso coloro che sono in disgrazia».
A Kwairyo piacque questa dichiarazione di buone intenzioni e disse all’aruji:
«Amico mio, ho avuto occasione di vedere che una persona in preda alla follia durante la gioventù può arrivare col passare degli anni a vivere una vita onesta e pura. Nei sacri sutra è scritto che coloro che sono i peggiori peccatori possono diventare, grazie alla forza di una buona decisione, i migliori benefattori. Sono certo che il tuo cuore è buono e spero che ti arriderà una migliore fortuna. Questa notte reciterò i sutra per la tua sorte e pregherò che tu possa ottenere la forza di superare il karma di tutti gli errori del passato».
Rassicurandolo in questo modo, Kwairyo diede la buona notte all’aruji, e questi gli mostrò una piccolissima stanza laterale dove era stato preparato un letto. Poi tutti andarono a dormire, tranne il sacerdote che cominciò a leggere i sutra alla luce di una lanterna di carta. Continuò a leggere e pregare fino a tarda ora, poi aprì una finestrella nella sua stanzetta per dare un’ultima occhiata al paesaggio prima di coricarsi. Era una bella notte: non c’erano nuvole in cielo né vento, e la forte luce della luna gettava nitide ombre nere tra le foglie e brillava sulla rugiada del giardino. Stridii di grilli e di “insetti campana” (6) producevano un clamore musicale, e il suono della cascata vicina si faceva più profondo nella notte. Udendo il rumore dell’acqua Kwairyo si sentì assetato e, ricordando l’acquedotto di bambù dietro la casa, pensò che avrebbe potuto andare a bere lì, senza disturbare la gente di casa che dormiva. Fece scivolare di lato con molta cautela la parete scorrevole che separava la stanza dall’abitazione principale e alla luce della lanterna vide i corpi sdraiati… senza testa!
Per un attimo fu disorientato pensando che fosse stato commesso un delitto. Ma subito dopo si accorse che non c’era sangue e che i colli senza testa non sembravano essere stati tagliati. Allora pensò tra sé: “O si tratta di un’illusione creata dai goblin, oppure sono stato attirato nell’abitazione di un Rokuro-Kubi…(7) Nel libro di Soshinki (8) sta scritto che se uno trova il corpo di un Rokuro-Kubi senza testa e trasporta il corpo in un altro luogo, la testa non potrà mai ricongiungersi al collo. E il libro aggiunge che se la testa ritorna e scopre che il suo corpo è stato spostato, colpirà il suolo tre volte, rimbalzando come una palla, poi ansimerà in preda al più grande terrore e subito dopo morirà.
Ora, se questi sono dei Rokuro-Kubi, non hanno buone intenzioni nei miei confronti, per cui sarò giustificato se seguirò le istruzioni del libro…”.

Le teste dei Rokuro-Kubi si separano dai corpi mentre Kwairyo sta recitando i sutra

Afferrò per i piedi il corpo dell’aruji, lo spinse verso la finestra e lo buttò fuori. Poi andò alla porta posteriore, che trovò sprangata, e ipotizzò che le teste fossero uscite attraverso il foro per il fumo sul tetto, che era stato lasciato aperto. Aprendo delicatamente la porta, si diresse verso il giardino e procedette con tutta la prudenza possibile verso il bosco al di là di esso. Udì delle voci che discutevano nel bosco e si diresse da quella parte, scivolando furtivamente da un’ombra all’altra, finché raggiunse un buon nascondiglio. Poi, da dietro un tronco, intravide le teste, tutte cinque, che svolazzavano e nel frattempo chiacchieravano tra loro. Stavano mangiando insetti e vermi che trovavano nel suolo o tra gli alberi. Poco dopo la testa dell’aruji smise di mangiare e disse:
«Ah, quel prete itinerante che è arrivato stasera ha proprio un bel corpo grasso! Quando avremo finito di mangiarlo, le nostre pance saranno belle piene… È stato stupido da parte mia dirgli quello che ho fatto: è servito solo a fargli recitare i sutra per aiutare la mia anima! Avvicinarsi a lui durante la recitazione sarebbe difficile, e non possiamo toccarlo finché sta pregando. Ma è quasi mattina, e forse è andato a dormire… Uno di voi vada fino alla casa a vedere cosa sta facendo quel tipo».
Un’altra testa, quella di una giovane donna, si sollevò immediatamente e volò verso la casa leggera come un pipistrello. Dopo qualche minuto tornò e gridò a gran voce con un tono molto allarmato:
«Quel prete non è in casa, se n’è andato! Ma questa non è la cosa peggiore. Ha portato via il corpo del nostro aruji e non so dove l’ha buttato».
A questa notizia la testa dell’aruji, che si distingueva chiaramente alla luce della luna, assunse un aspetto orribile: gli occhi si allargarono mostruosamente, gli si rizzarono i capelli e digrignò i denti. Poi un urlo esplose dalle sue labbra e, piangendo lacrime di rabbia, esclamò:
«Se il mio corpo è stato portato via, non posso ricongiungermi a lui! Quindi devo morire!… E tutto per colpa di quel prete! Ma prima di morire lo troverò! lo divorerò!… E LUI È QUI! dietro quell’albero! è nascosto dietro quell’albero! Guardatelo, quel grasso vigliacco!»
Nello stesso istante la testa dell’aruji, seguita dalle altre quattro, balzò su Kwairyo. Ma il robusto sacerdote si era già procurato un’arma sradicando un giovane albero e con questo colpì le teste man mano che lo attaccavano, allontanandole da sé con colpi tremendi. Quattro di loro fuggirono. Ma la testa dell’aruji, benché colpita più e più volte, continuava furiosamente a saltare sul sacerdote e infine riuscì ad afferrarlo per la manica sinistra del vestito. Ma Kwairyo afferrò velocemente la testa per il nastro che legava i capelli e la colpì più volte, senza lasciare la presa fino a quando non emise un lungo gemito e cessò di lottare. Era morta. Ma i denti tenevano ancora stretta la manica e a causa della loro grande forza Kwairyo non poté costringerla ad aprire le mascelle.
Con la testa che ancora gli pendeva dalla manica tornò alla casa e qui vide gli altri quattro Rokuro-Kubi accovacciati insieme, con le teste ammaccate e sanguinanti riunite ai corpi. Ma non appena si accorsero della sua presenza alla porta posteriore, gridarono tutti insieme: «Il prete! Il prete!» e fuggirono nel bosco attraverso l’altra.
A oriente il cielo si andava schiarendo, stava per nascere il giorno, e Kwairyo sapeva che il potere di goblin era limitato alle ore di oscurità. Osservò la testa attaccata alla manica, con la faccia sporca di sangue, bava e terra, e rise forte pensando tra sé: “Ma che bel miyage!9 la testa di un goblin!” Dopo di che raccolse i suoi pochi averi e senza affrettarsi discese la montagna per continuare il viaggio.

Kwairyo nascosto dietro un pino spia le quattro teste dei Rokuro-Kubi

Viaggiò fino a quando arrivò a Suwa nella provincia di Shinano (10) e camminò solennemente lungo la strada principale di Suwa con la testa che gli dondolava al gomito. Donne svennero e bambini gridarono e corsero via, accorse molta folla e ci fu un grande clamore, fino a quanto la torite (come allora veniva chiamata la polizia) prese il sacerdote e lo portò in prigione. Infatti ipotizzarono che la testa fosse quella di un uomo assassinato che, nel momento in cui veniva ucciso, aveva stretto fra i denti la manica dell’assassino. Quanto a Kwairyo, si limito a sorridere e non rispose nulla alle loro domande. Così, dopo aver trascorso una notte in prigione, fu condotto alla presenza dei magistrati del distretto. Gli ingiunsero di spiegare in che modo lui, un sacerdote, fosse stato trovato con la testa di un uomo attaccata alla manica e perché avesse osato sbandierare con tanta sfacciataggine il suo delitto davanti alla gente.
A questa domanda Kwairyo rise forte e a lungo, poi rispose:
«Miei signori, non ho attaccato la testa alla manica: ci si è attaccata da sola, contro la mia volontà. E non ho commesso alcun delitto. Perché questa non è la testa di un uomo, ma di un goblin, e aver provocato la morte di un goblin non è stato uno spargimento di sangue, ma semplicemente una precauzione indispensabile per garantire la mia incolumità».
E continuò raccontando tutta l’avventura, ridendo nuovamente di cuore quando riferì dello scontro con le cinque teste.
Ma i magistrati non risero. Lo giudicarono un feroce criminale e considerarono tutta la storia un insulto alla loro intelligenza. Perciò, senza fare altre domande, decretarono di disporre per la sua immediata esecuzione, tutti tranne uno, un uomo molto vecchio. Questo anziano magistrato non aveva fatto commenti durante il processo, ma dopo aver ascoltato l’opinione dei colleghi, si alzò e disse:
«Permettetemi di esaminare attentamente quella testa, dal momento che penso non sia ancora stato fatto. Se questo sacerdote ha detto la verità, sarà la stessa testa a testimoniare per lui… Portatemi qui la testa!»
Allora la testa, che stringeva ancora tra i denti il koromo che era stato tolto dalle spalle di Kwairyo, fu portata alla presenza dei giudici. Il vecchio la rigirò da ogni lato, la esaminò con attenzione e scoprì sul collo sotto la nuca numerosi strani caratteri di colore rosso. Richiamò l’attenzione dei colleghi su quei segni e li esortò anche a notare che i bordi del collo non presentavano segni di essere stati tagliati da un’arma. Al contrario, la linea di distacco era liscia come quella di una foglia caduta da un ramo… Allora disse agli altri:
«Sono quasi certo che questo sacerdote non ci ha detto altro che la verità. Questa è la testa di un Rokuro-Kubi. Nel libro Nan-ho-i-butsu-shi è scritto che sul collo sotto la nuca di un vero Rokuro-Kubi si trovano sempre dei caratteri di colore rosso. I caratteri ci sono: potete vedere voi stessi che non sono stati dipinti. Inoltre è risaputo che questa specie di goblin ha abitato tra le montagne della provincia di Kai fin dai tempi più antichi. Ma voi, signore», esclamò rivolgendosi a Kwairyo, «che razza di sacerdote siete, per essere così forte e deciso? Di sicuro avete dato prova di un coraggio che pochi sacerdoti possiedono e avete l’aspetto di un soldato più che quello di un sacerdote. Forse un tempo avete fatto parte della classe dei samurai?»
«Avete indovinato, mio signore», rispose Kwairyo. «Prima di diventare sacerdote ho esercitato a lungo la professione delle armi e a quei tempi non avevo paura di nessuno, uomo o demone. Il mio nome era Isogai Heidazaemon Taketsura di Kyushu: probabilmente alcuni tra di voi se ne ricordano».
All’udire questo nome un mormorio di ammirazione si diffuse nell’aula del tribunale, perché molti dei presenti si ricordavano di lui. E da un momento all’altro Kwairyo si trovò fra amici invece che tra giudici, amici ansiosi di dimostrargli la loro ammirazione con gentilezza fraterna. Lo accompagnarono con tutti gli onori alla residenza del daimyo, che lo accolse e lo festeggiò, facendogli splendidi doni perché potesse ripartire. Quando Kwairyo lasciò Suwa era felice come può esserlo un sacerdote in questo mondo di passaggio. Quanto alla testa, la portò con sé, ripetendo scherzosamente che la considerava un miyage.
E ora non rimane che raccontare qualcosa su quella testa.
Un paio di giorni dopo, mentre si allontanava da Suwa, Kwairyo s’imbatté in un bandito che lo fermò in un luogo solitario e gli ordinò di spogliarsi. Kwairyo si tolse il koromo e lo porse al bandito, che si accorse subito di qualcosa che pendeva dalla manica. Il bandito, anche se era un uomo coraggioso, si spaventò, lasciò cadere a terra il vestito e fece un salto all’indietro esclamando:
«Che razza di prete sei? Diamine, sei un uomo più malvagio di me! È vero che ho ucciso della gente, ma non ho mai passeggiato con la testa di qualcuno appesa alla manica… Ebbene, caro il mio sacerdote, mi sa che noi due siamo fatti della stessa pasta e devo dire che ti ammiro! Questa testa potrà tornarmi utile: posso usarla per terrorizzare la gente. Vuoi vendermela? Ti darò i miei vestiti in cambio del tuo koromo e in più cinque ryō per la testa».
Kwairyo rispose:
«Se insisti, ti darò la testa e il vestito, ma ti devo avvertire che non è la testa di un uomo. È la testa di un goblin. Quindi, se la comperi e passerai dei guai, ricordati che non è stata colpa mia».
«Che prete simpatico sei!» esclamò il rapinatore. «Ammazzi la gente e ci scherzi sopra!… Ma io sto parlando seriamente. Questo è il mio vestito e questi sono i soldi, dammi quella testa. A che serve scherzare?»
«Prenditela», disse Kwairyo. «Non stavo scherzando. L’unico scherzo, se così si può chiamare, è che sei abbastanza pazzo da pagare per la testa di un goblin».
E Kwairyo, ridendo forte, riprese il cammino.
E così il bandito prese la testa e il koromo e per un po’ si finse il sacerdote del goblin lungo le strade. Ma quando giunse nei dintorni di Suwa, venne a sapere la vera storia di quella testa ed ebbe paura che lo spirito del Rokuro-Kubi potesse procurargli dei guai. Allora decise di riportare la testa nel luogo da cui era venuta e di seppellirla insieme al suo corpo. Trovò la strada per la capanna solitaria tra le montagne di Kai, ma non c’era nessuno e non riuscì a trovare il corpo. Perciò seppellì la testa da sola dietro la capanna, collocò una lapide sulla tomba e fece celebrare una cerimonia Segai11 per aiutare lo spirito del Rokuro-Kubi. E si dice che quella lapide, conosciuta con il nome di “Lapide del Rokuro-Kubi”, si può vedere ancora oggi.

FINE

NOTE

  1. Il periodo di Eikyo va dal 1429 al 1441.
  2. Si chiama così la parte superiore del vestito di un sacerdote buddista.
  3. Attualmente la prefettura di Yamanashi.
  4. Termine che designa un sacerdote itinerante.
  5. Una specie di piccolo focolare ricavato nel pavimento di una stanza. Solitamente il ro è una cavità quadrata e poco profonda, rivestita di metallo e riempita a metà di cenere in cui viene bruciato del carbone.
  6. Traduzione letterale di suzumushi, una specie di grillo con uno stridio caratteristico che ricorda una piccola campana, da cui il nome.
  7. Il rokuro-kubi è immaginato di solito come un goblin il cui collo può allungarsi a dismisura, ma che malgrado ciò resta attaccato al corpo.
  8. Una raccolta cinese di racconti sul soprannaturale.
  9. Dono fatto ad amici o alla gente di casa al ritorno da un viaggio. Di solito il miyage consiste in qualcosa prodotto nella località in cui è stato fatto il viaggio: questo è il significato della battuta di Kwairyo.
  10. Attualmente la prefettura di Nagano.
  11. Segaki è la cerimonia Giapponese degli “Spiriti Affamati”. I fedeli, condotti da un monaco, attirano gli spiriti affamati nella sala di meditazione o fuori casa di notte senza luci con invocazioni e rumori assordanti per offrire loro frutta e sutra, recitati da un monaco rivolto verso est per la pace delle anime in pena. La cerimonia si conclude con l’aspersione dell’aria con acqua purificata al fine di scongiurare la presenza degli spiriti. (fonte: http://www.dailygrail.com/blog/5720?page=16)

Testo originale in: http://www.sacred-texts.com/shi/kwaidan/kwai10.htm

Lascia una recensione

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca prima su "maggiori informazioni" e poi su "Accetto" se desideri continuare MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per informazioni vedi Privacy Policy

Chiudi