Leggende Orientali – SUSANOO E OROCHI

Leggenda dal Giappone

Inviata da Olojin

SUSANOO E OROCHI

Susanoo, esiliato dal Cielo, giunse nella provincia di Izumo.
Dopo poco tempo incontrò un uomo anziano e sua moglie, piangenti assieme alla loro figlia. L’anziana coppia spiegò che avevano all’inizio otto figlie, che furono divorate però una ad una, ogni anno, dal drago chiamato Yamata-no-Orochi (“Il serpente otto-forcuto”). Il terribile drago aveva otto teste ed otto code. Ed ora, Kusinada (o Kushinada-Hime, “principessa della risaia”) era l’ultima rimasta delle otto figlie.
Susanoo, che ben conosceva la relazione della coppia con la dea del sole Amaterasu, sua sorella, offrì loro il suo aiuto in cambio della mano della loro magnifica figlia.
I genitori accettarono e Susanoo trasformò Kushinada in un pettine, nascondendola in modo sicuro fra i suoi capelli. Ordinò poi che fosse costruita una staccionata attorno alla casa, con otto cancelli, otto tavoli ad ogni cancello, ed otto fiaschi su ogni tavolo, ognuno riempito con vino di riso fermentato otto volte.
Orochi arrivò, e fu attirato dal vino; lo bevve, e con suo stupore fu ucciso da Susanoo. Un fiume vicino divenne rosso per il sangue del drago ucciso.
Mentre Susanoo tagliava il drago a pezzettini, trovò all’interno di una delle code un’eccezionale spada, che il dio non era stato in grado di tagliare con la sua. La spada venne successivamente portata ad Amaterasu.
A causa della spada (che è una dei leggendari tesori) questa leggenda si lega a un’altra: Regalità, Conoscenza e Forza.

FINE

Lascia una recensione

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca prima su "maggiori informazioni" e poi su "Accetto" se desideri continuare MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per informazioni vedi Privacy Policy

Chiudi