A cura di Dana

SCHEDA

Titolo originale: Gakuen Alice
Traduzione letterale: Accademia Alice
Titolo internazionale: Alice Academy
Genere: serie tv – shoujo – scolastico, soprannaturale, sentimentale
Numero episodi: 26 (concluso)
Anno di uscita in Giappone: 2004
Rete tv giapponese: NHK
Tratto: dal manga “Gakuen Alice” di Higuchi Tachibana (l’anime prende in esame solo la prima parte del fumetto)

Director: Takahiro Omori
Character design: Yoshiaki Ito
Music: Makoto Yoshimori
Studios: Group TAC

Titolo in Italia: Alice Academy
Anno di pubblicazione in Italia: 2009
Trasmissione in tv: trasmesso per la prima volta sulla tv satellitare Sky, sul canale “Dea Kids”. Versione integrale, con le sigle originali giapponesi. Replicato da altri canali di cartoni sempre di Sky
Edizione italiana italiana: la serie non è mai uscita in dvd

Sigle
opening
“Pikapika no taiyou” di Kana Ueda
ending
“Shiawase no niji” di Kana Ueda e Rie Kugimiya.

TRAMA

Mikan e Hotaru sono grandi amiche, ma quando quest’ultima cambia scuola per andare in un istituto speciale, non riescono più a frequentarsi. La ragazza promette all’amica di scriverle, ma dopo nove mesi Mikan riceve solo una cartolina molto laconica.
Fatti i bagagli, Mikan decide di partire per andare a scoprire cosa è successo a Hotaru.
Arriva così davanti alla famosa Alice Academy (“Accademia Alice”) frequentata da persone dai poteri straordinari.
Lì ogni bambino possiede un proprio potere soprannaturale: tutte le capacità sono suddivise in categorie e a ognuna viene assegnato un tipo di “alice”. Ai studenti però è proibito avere contatti con l’esterno.
Perciò a Mikan viene vietato l’accesso alla scuola da uno spietato guardiano e da un alto cancello. Ma anche Mikan nasconde in sè un “alice” davvero particolare…

IMMAGINI clicca per ingrandire

DOPPIATORI

PERSONAGGI – DOPPIATORI ORIGINALI – DOPPIATORI ITALIANI
Mikan Sakura – Kana Ueda – Laura Amadei
Hotaru Imai – Rie Kugimiya – Letizia Ciampa
Natsume Hyuuga – Romi Paku – Daniele Raffaeli
Narumi – Akira Ishida – Stefano Billi
Ruca Nogi – Miwa Yasuda – Gabriele Patriarca
Persona – Shinichiro Miki – Carlo Scipioni
Sumire Shoda – Chiwa Saito – Deborah Ciccorelli
Yuu Tobita – Fuyuka Oura – Barbara Pitotti
Tsubasa Andou – Makoto Naruse – Gianluca Crisafi
Mitsuki Harada – Marina Inoue – Alberto Bognanni
Nonoko – Ai Nonaka – Joy Saltarelli
Shuichi Sakurano – Atsushi Kisaichi
Yokoi – Tatsuhisa Suzuki – Edoardo Stoppacciaro
Jinno – Dai Matsumoto – Vladimiro Conti
Noda – Mamoru Miyano – Andrea Mete
Misaki – Takahiro Sakurai
Reo Mouri – Kenichi Suzumura – Marco Vivio
Nonno di Mikan – Masaaki Tsukuda – Giovanni Petrucci
Kokoroyomi – Megumi Matsumoto – Alessandro Masi
Serina Yamada – Miho Yamada – Beatrice Margiotti
Anna – Rie Kanda – Gemma Donati

LINK inerenti alla serie

Materiale su “Alice Academy” presente sul sito:

Altre opere di Takahiro Omori presenti sul sito:

RECENSIONI

– Hai visto questa opera e vuoi recensirla, consigliarla o sconsigliarla agli altri utenti del sito? Basta solo che scrivi un Commento qua sotto! – Oppure leggi i Pareri all’opera dati dagli altri visitatori del sito, sempre qua sotto! – Puoi anche discuterne sul nostro Forum.

1
Lascia una recensione

Please Login to comment
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Marichan Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
più nuovi più vecchi
Notificami
Marichan
Staff

– commento di Dana –

Nonostante il target di età un po’ basso – Mikan e gli altri personaggi frequentano le elementari – la storia si dipana con scioltezza fra poteri strabilianti e fitti misteri, che riescono ad appassionare anche un pubblico più grande.

Il character dei personaggi è abbastanza semplice, ma accurato, anche se non colpisce per originalità (ricorda molto, infatti, quello di “Il Giocattolo dei Bambini”, conosciuto in Italia come “Rossana”).

Anche i personaggi incarnano un po’ lo standard degli shoujo giapponesi.
Eppure la storia, sapientemente dosata, è diretta e avvincente, divertente, e a tratti commovente.
Peccato però che il cartone prenda in esame solo una parte del fumetto da cui è tratto, e il finale lasci così un po’ di amaro in bocca e di misteri non risolti.

Buona l’animazione.

Un anime che mi è piaciuto: consiglio di vederlo!

Molto accattivante le sigla di testa, con Mikan vestita da majorette. Carini i disegni e deliziose sia la musica che le parole.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca prima su "maggiori informazioni" e poi su "Accetto" se desideri continuare MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per informazioni vedi Privacy Policy

Chiudi