anime – CARO FRATELLO (Oniisama e…) – di Osamu Dezaki

A cura di Dana

SCHEDA

Titolo originale: Oniisama e…
Traduzione letterale: Caro Fratello…
Titolo internazionale: Dear, Brother
Genere: serie tv – shoujo – yuri, scolastico, drammatico, psicologico
Rating: consigliato ad un pubblico maturo
Numero episodi: 39 (concluso)
Anno di uscita in Giappone: 1991
Rete tv giapponese: NHK
Tratto: dal manga “Caro Fratello” di Ryoko Ikeda

Regista: Osamu Dezaki
Character design: Akio Sugino
Musiche: Kentaroh Haneda
Studio di animazione: Tezuka Productions

Titolo in Italia: Caro fratello
Anno di pubblicazione in Italia: 2003
Trasmissione in tv: Italia 7 Gold – Man-ga.
Censura nella trasmissione televisiva: no
Edizione italiana italiana: In Italia la serie tv è stata pubblicata dalla Yamato Video, prima in videocassetta, e poi in dvd. La versione in dvd è raccolta in 2 Edizioni Speciali a tiratura limitata, contenenti ognuna 4 dvd.

Sigle:

Sigla iniziale giapponese
“Kin no Utsuwa, Gin no Utsuwa” di Satomi Takada
Sigla finale giapponese
“Kimagure na Yousei” di Takako Noda

Sigla italiana
“Caro Fratello…” dei Cavalieri del Re

TRAMA

In terza media Nanako chiede ad uno studente universitario, suo insegnante, di diventare per lei come un fratello. Il giovane accetta. La ragazza inizia così a scrivergli delle lettere in cui racconta cosa gli capita ogni giorno, cominciando le missive sempre con la frase “Caro fratello…”.

Comincia il nuovo anno scolastico: Nanako inizia, piena di entusiasmo, le scuole superiori nel prestigioso istituto femminile Seiran.
Ma non è tutto oro ciò che luccica… e la ragazza si ritroverò presto tra gelosie, rivalità, e adolescenti pronte ad accettare qualsiasi cosa, pur di sentirsi parte di un gruppo…

IMMAGINI clicca per ingrandire

DOPPIATORI

PERSONAGGI – DOPPIATORI ORIGINALI – DOPPIATORI ITALIANI
Nanako Misono – Hiroko Kasahara – Beatrice Margiotti
Mariko Shinobu – Sakiko Tamagawa – Monica Ward
Kaoru “Principe Kaoru” Orihara – Keiko Toda – Alessandra Cassioli
Rei “Saint-Just” Asaka – Sumi Shimamoto – Stefania Patruno
Fukiko “Miya-sama” Ichinomiya – Mami Koyama – Rosalinda Galli
Aya Misaki – Masako Katsuki – Laura Latini
Takehiko Henmi – Tesshô Genda – Guido Cavalleri (1 episodio) – Vittorio Guerrieri (dal 2 in poi)
Takashi Ichinomiya – Kenyuu Horiuchi
Tomoko Arikura – Waka Kanda – Ilaria Latini
Komazawa “Mona Lisa” – Shinobu Adachi – Barbara De Bortoli
Madre Di Mariko – Rihoko Yoshida – Rita Baldini

LINK inerenti alla serie

Materiale su “Caro Fratello” presente sul sito:

Altre opere di Osamu Dezaki presenti nel sito:

COMMENTI

– Hai visto questa opera e vuoi recensirla, consigliarla o sconsigliarla agli altri utenti del sito? Basta solo che scrivi un Commento qua sotto!
– Oppure leggi i Pareri all’opera dati dagli altri visitatori del sito, sempre qua sotto!

Lascia una recensione

1 Commento on "anime – CARO FRATELLO (Oniisama e…) – di Osamu Dezaki"

Notificami
Marichan
Staff

– commento di Dana –

Pur rispettando il caracter design del manga dell’Ikeda, i tratti dei personaggi nell’anime vengono resi meno spigolosi e più accattivanti.
Nanako perde i suoi riccioli, risultando lo stesso molto graziosa, ma meno bamboleggiante.
Al contrario Fukiko, continua ad avere spessi boccoli biondi che le conferiscono un’aria decisamente assurda, specie tenendo conto del carattere volitivo della stessa. Ma forse lo scopo è proprio questo.
L’abbigliamento è semplificato, anche se sempre abbastanza lezioso e particolare.

Nell’anime, si resta fedeli alla personalità dei personaggi voluti dall’autrice, ampliando maggiormente lo spessore psicologico, dando così ai protagonisti una maggiore credibilità.

Le ambientazioni, specie quelle dell’istituto Seiran, sono splendide, curate; i dettagli minuziosi. Buona l’animazione.

In 39 episodi gli animatori riescono a sviluppare interamente tutta la complessa storia del manga: i turbamenti adolescenziali, i problemi familiari, il primo amore, la volontà di accettare tutto, purchè far parte di un gruppo.
I sentimenti vengono messi a nudo, vissuti intensamente, portati quasi al parossismo. Si arriva ad amare, piangere e ridere coi protagonisti.
Splendido, nonostante alcuni eccessi, dalla prima all’ultima puntata.

wpDiscuz