anime – LA COLLINA DEI PAPAVERI (Kokuriko Zaka Kara) – di Goro Miyazaki

A cura di Changing

SCHEDA

Titolo originale: Kokuriko Zaka Kara – (コクリコ坂から)
Traduzione letterale: Dalla collina dei papaveri
Titolo internazionale: From Up On Poppy Hill
Genere: film d’animazione – shoujo, drammatico, sentimentale, storico
Rating: adatto a tutti
Durata: 91 minuti
Anno di uscita in Giappone: 2011
Tratto: dal manga “Kokuriko-Zaka Kara” scritto da Tetsurō Sayama e disegnato da Chizuru Takahashi.

Regista: Goro Miyazaki
Sceneggiatura: Hayao Miyazaki
Character design: Katsuya Kondo
Musiche: Satoshi Sakebe
Studio di animazione: Studio Ghibli

Titolo in Italia: La Collina dei Papaveri
Anno di pubblicazione in Italia: 2012
Censura: no
Distribuzione: Lucky Red
Edizione italiana: Uscito nei cinema italiani nel 2012. Poco dopo è uscito in Dvd e in Bluray.

Sigle
Sigla finale:
“Sayonara no Natsu – Kokuriko-zaka kara ” di Aoi Teshima

TRAMA

È l’anno 1963, Yokohama. La storia narra delle vicende di Umi Matsuzaki, detta Mer, e Shun Kazama nel loro tentativo di salvare il “Quartier Latin”, l’antica sede di molti club scolastici, insieme agli altri frequentatori e ad un corpo di giovani volontarie.
Per una tradizione legata alla morte di suo padre, Umi è solita alzare le bandiere di segnalazione marittima ogni mattina, che significano “prego per una navigazione sicura”. Questa sua attività sembra aver attirato l’attenzione di un misterioso ragazzo, il quale fa pubblicare sul giornalino scolastico una poesia dedicata a lei.
Ma proprio quando le cose sembrano andare per il meglio, un antico segreto sembra mettere in pericolo la serenità dei due ragazzi.

IMMAGINI clicca per ingrandire

MUSICHE

Le musiche sono state realizzate da Satoshi Takebe, che aveva già lavorato per lo Studio Ghibli nella realizzazione de”i racconti di Terramare”, il primo lavoro di Goro Miyazaki.

CRITICA

Il film è stato giudicato, nel complesso, molto positivamente ed è stata messa in evidenza la collaborazione vincente di Hayao e suo figlio Goro.
Il critico specialista Mark Schilling del Japan Times, ha però giudicato la regia e la trama “scontati”, sebbene l’opera sia carica di elementi storici che rendono realistica e memorabile l’ambientazione.

CURIOSITA’

– Il film è tratto dal manga “Kokurikozaka kara” si Tetsurō Sayama e Chizuru Takahashi, pubblicato nel 1980 in due tankobon.
– “La collina dei papaveri” si è classificato 35° ai Japan Academy Award ed è stato il vincitore della categoria “Miglior animazione dell’anno” dei Tokyo Anime Awards

DOPPIATORI

Originali:
– Umi (“Mer”) Matsuzaki: Masami Nagasawa
– Shun Kazama: Iunichi Okada
– Ryōko Matsuzaki: Jun Fubuki
– Hana Matsuzaki: Keiko Takeshita
– Signor Kazama: Nao Omori
– Shirō Mizunuma: Shunsuke Kazama
– Yoshio Onodera: Takashi Naito
– dirigente capo Tokumaru: Teruyuki Kagawa
– Hokuto Kitami: Yuriko Ishida

Italiani:
– Umi (“Mer”) Matsuzaki: Giulia Tarquini
– Shun Kazama: Lorenzo De Angelis
– Ryōko Matsuzaki: Roberta Paladini
– Hana Matsuzaki: Aurora Canciani
– Sora Komatsuzaka: Sara Labidi
– Riku Matsuzaki: Andrea Di Maggio
– Shirō Mizunuma: Alessio De Filippis
– Hirokōji Sachiko: Benedetta Ponticelli
– Makimura Saori: Micaela Incitti
– Yokoyama Nobuko: Letizia Ciampa
– Kato Yuuko: Giulia Franceschetti
– Kazama Akio: Roberto Draghetti
– Yoshio Onodera: Luca Balgini
– dirigente capo Tokumaru: Giorgio Favretto
– Yoshino: Gianluca Crisafi
– Yamazaki: Sasha De Toni
– Mimuria: Dario De Rosa
– Filosofo: Gianfranco Miranda
– Rettore: Stefano Micelli
– Chimico: Alessandro Campaiola Ward

RECENSIONI

– Hai visto questa opera e vuoi recensirla, consigliarla o sconsigliarla agli altri utenti del sito? Basta solo che scrivi un Commento qua sotto!
– Oppure leggi i Pareri all’opera dati dagli altri visitatori del sito, sempre qua sotto!

1
Lascia una recensione

Please Login to comment
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Changing Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
più nuovi più vecchi
Notificami
Changing
Bazarino
Changing

Un film nel complesso molto gradevole sia per la storia che per il disegno, sempre dolce e ben curato, anche se trovo che il character design sia più rigido dei precedenti lavori dello Studio Ghibli.
Si percepisce sempre un po’ di quella malinconia e, a brevissimi tratti, quella leggera pesantezza che caratterizza i lavori di Goro. La trama procede con moderata pacatezza, cosa che può essere tediosa per alcuni e rilassante per quelli come me. Tuttavia, alla fine del film, ho sentito anche la mancanza di quel trasporto che, personalmente, mi hanno sempre suscitato i film di Hayao, nonostante io mi sia sentita coinvolta anche dalle vicende di Umi e Shun.
A mio parere la collaborazione del padre, è stata fondamentale.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca prima su "maggiori informazioni" e poi su "Accetto" se desideri continuare MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per informazioni vedi Privacy Policy

Chiudi