frasi – MAX PAYNE (saga)

0 0 Voti
Vota l'opera (solo registrati)

Per aggiungere una citazione da questa opera, inseriscila come commento qua sotto. Avvisa se ci sono spoiler!

Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3 Commenti
Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Marichan
Staff
Super
8 anni fa

ATTENZIONE PICCOLI SPOILER!

“Gognitti correva terrorizzato, ma con un proiettile infilato nello stomaco come una bottiglia di tabasco spezzata, non poteva correre a lungo. Gli concessi la libertà provvisoria, ma non se la sarebbe goduta a lungo; per gli angeli non so, ma per gli uomini è la paura che mette le ali!”
– Max Payne –

“Il barista si è lucidato e i sogni sono fatti di negromanti storti, canta come una banana twist che si è avvicinata troppo alla costellazione dei loro negri teschi rasati, la pioggia di rane è cessata e ora tocca a quella di sangue, segui le labbra e poi non ci sarò più!”
– Max Payne –

“La regola del buco: Non importa quanto tempo ci metti a uscirne, puoi sempre ricaderci in un istante.”
– Max Payne 2 –

“Quando ti svegli, hai una visione confusa del mondo. Quello che era logico nel sogno diventa insensato. Nessun salvataggio surreale. Nessuna magica via di uscita… sei sveglio.”
– Max Payne 2 –

“Era rimasta una sola cosa da fare. Fui costretto a ridare a Vlad la sua pistola. Un proiettile alla volta.”
– Max Payne 2 –

Marichan
Staff
Super
8 anni fa

“Il passato è come un buco nero. Puoi provare a scappare, ma più corri, più questo cresce terribilmente alle tue spalle, e lo senti sfiorarti i talloni. L’unica via di uscita è quella di voltarsi e affrontarlo… Ma è come guardare dentro la tomba della donna che ami”:
– Max Payne 2 –

“Il passato è come un puzzle, come uno specchio rotto. Mentre lo metti insieme ti tagli, un’immagine riflessa in continuo movimento. E tu cambi con lei. Potrebbe distruggerti, farti diventare pazzo… ma potrebbe anche salvarti”.
– Max Payne 2 –

Marichan
Staff
Super
10 anni fa

SPOILER!
“L’ultimo colpo fu come il punto esclamativo a chiusura di tutto quello che era successo. Allentai la presa sul grilletto, era tutto finito….”
– dal finale di “Max Paine 1” –

3
0
Lascia una recensione!x