libro – SONNO PROFONDO – di Banana Yoshimoto

A cura di Marichan

SCHEDA

Titolo originale: Shirakawa Yofune
Autrice: Banana Yoshimoto
Genere: Romanzo
Anno di pubblicazione: 1989
Paese: Giappone

Titolo in Italia: Presagio Triste
Anno di pubblicazione in Italia: 1994 (ristampato nel 2003)
Casa editrice: Feltrinelli
Traduzione: Giorgio Amitrano e Alessandro Giovanni Gerevini.
Pagine: 144
Prezzo di copertina: € 6,50
Disponibile anche in Ebook

TRAMA

“Da quanto tempo sarà che quando sono da sola dormo in questo modo? Il sonno viene come l’avanzare della marea. Opporsi è impossibile. E’ un sonno così profondo che nè lo squillo del telefono nè il rumore delle auto che passano fuori mi arrivano all’orecchio. Nessun dolore, nessuna tristezza laggiù: solo il mondo del sonno dove precipito con un tonfo”

Questo libro è composto da 3 lunghi racconti con protagoniste donne che, per diversi motivi, sono in una fase della loro vita in cui sono come bloccate sul tasto “pausa”, in uno stato d’apatia o sonno da cui non riescono a scrollarsi e nel quale vegetano invece di vivere, lasciandosi trascinare dalla corrente…
Quando, improvvisamente, un ricordo, un avvenimento, una persona o una speranza li fa rialzare, fa rimettere in “play” le loro vite e ricominciare o provare a vivere davvero.

COPERTINA clicca per ingrandire

LINK inerenti alla’opera

Altre opere di Banana Yoshimoto recensite da questo sito:

COMMENTI

– Hai letto questa opera e vuoi recensirla, consigliarla o sconsigliarla agli altri utenti del sito? Basta solo che scrivi un Commento qua sotto!
– Oppure leggi i Pareri all’opera dati dagli altri visitatori del sito, sempre qua sotto!

1
Lascia una recensione

Please Login to comment
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Marichan Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi
Notificami
Marichan
Staff

Banana Yoshimoto ha uno stile di linguaggio semplice, ma molto diretto, che privilegia i sentimenti all’azione (difatti i racconti sono scritti in prima persona) che non fa che aumentare il processo d’identificazione con i protagonisti. Chi non ha avuto, e avrà probabilmente, periodi in cui guarda la vita scorrergli davanti, senza aver voglia di reagire? Eppure assieme a tutto questo c’è sempre un alone di mistero, un sottofondo quasi magico che aumenta il fascino del libro, cui l’autrice attribuisce il nome di “speranza”.
Non ha tutti piace questo stile particolare, ma personalmente lo trovo un libro davvero bello, difatti l’ho già riletto più volte.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca prima su "maggiori informazioni" e poi su "Accetto" se desideri continuare MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per informazioni vedi Privacy Policy

Chiudi