testi sigle ost – FUKUMENKEI NOISE (Anonymous Noise)

5 1 Vota
Vota l'opera (solo registrati)

Materiale inviato da: Annette.

* SIGLE

serie tv – Fukumenkei Noise (Anonymous Noise)

Opening

Ending

  • Allegro” by in NO hurry to shout;

Inser Song

  • Canary” by in NO hurry to shout;
  • FALLING SILENT” by SILENT BLACK KITTY
  • Noise” by in NO hurry to shout;
  • Spiral” by in NO hurry to shout;

* TESTI

Highschool
sigla iniziale della serie tv
Interprete: NO hurry to shout;
Versione: integrale.

Testo originaleTraduzione in italiano
karappo no kotoba to uso nuru kaiwa to
tsukue ni nokoru kizu egao ga zaratsuku
otona ga youi shita kangoku kurai sora
te wo nobashita toki
kimi ga suberi ochiru

utsumuku mabuta kojiake
boku wa iu, “kocchi wo muite” to
kanawanai omoi kogetsuki
bokura no ashiato someteku
subete tobashite yo sora haruka

sakebe uta
kimi no naka merodi
koi mo negai mo uso mo koboredasunda
sakebe kanade
kokoro kakushite ochite oide yo
kokoro oto torae fusaida nodo hitomi
eien oyoge shoujo boku dake no uso wo

kyoushitsu nukete hadashi de hashiru
kaze wo kirisaki unerasu rizumu
hitori okujou de
nobasu te no saki ni fureru kanaami no netsu
kimi wo tokasu ondo

tomadou kuchibiru osae
sasayakitai “boku dake wo mite” to
todokanai omoi hiritsuki
bokura no ashimoto yureteku
subete tokihanate zankoku ni

sakende
boku no oku memori
kako mo mirai mo uso mo afuredasunda
sakebe inore namida karashite hashiridashite yo
fumishimeru suna habataku koe
nami ni nomareru oto to boku to

kikasete
hakoniwa no sora
miageru seifuku ni hisonda neiro
kusuburu sekai
nuide tobidase todokete yo
kimi no tame dake utae

sakebe uta
kimi no naka riariti
ima mo itami mo uso mo
dakishime susume
sakebe kanade
kokoro kakushite ochite oide yo
kokoro oto torae fusaida nodo hitomi
eien oyoge shoujo hontou no uso e to

utai tsudzukerunda
soshite itsuka wa kitto
kimi wa boku no merodi
kakinarase oto hibikasero koe
kokoro kakushite

(assente)

Allegro
sigla finale della serie tv
Interprete: NO hurry to shout;
Versione: integrale.

Testo originaleTraduzione in italiano
mikazuki furu yoru ni wa
madogoshi kimi ni fureteita
kobiritsuku egao to koe to nioi ga
boku no asa mo hiru mo yo mo yume mo
okashitekunda

sakebichirashite mo
kese ya shinainda yo
sora aogi namima hashitteku
kogareru yoru no tonari e

hora motsureru ashi de sagasu
tatoe kimi ga mienakute mo
furueru yubi de negau
tatoe kimi ni furenakute mo
tada afureru nodo de inoru
tatoe kimi ni ienakute mo

hoshi surinuke
mikazuki kasume
hashire
“Kimi ni aitai”

kokoro kobosu yoru ni wa
madogoshi kimi to kanadeteta
hikarabiru kioku to netsu no kakera de

boku no uta mo oto mo shi mo uso mo
chigiretekunda

koe wo karashite mo
koko ni wa inainda yo
hoshi no umi nomare hashitteku
samayou yoru no owari e

hora yurameku ashi de sagasu
tatoe kimi ga mienakute mo
kogoeru yubi de negau
tatoe kimi ni furenakute mo
tada kasureru nodo de inoru
tatoe kimi ni ienakute mo

hoshi oikose
mikazuki haruka
hashiru
“Kimi ga koishii”

miagete goran
onaji yoru no
onaji sora no
onaji tsuki wo

sarasara yuragu suna ni bokura wa
bukubuku to shizunde
kirakira hikaru hoshi ga bokura wo
fuwari izanau yo

motsureru ashi de sagasu
furueru yubi de negau
tada afureru nodo de inoru
koboreru koe de tsugeru
“Boku wa koko da yo”

saa hayaku
hoshi kieru mae ni
hashire
kimi e to

saa hayaku
tsuki kieru mae ni
nobase
kimi made
te wo

Nelle notti in cui la luna crescente
è venuta giù, avrei voluto toccarti,
dall’altra parte della finestra.
Il tuo sorriso, la tua voce
ed il tuo profumo indugiano qui;
s’insinuano nelle mie mattine,
nei pomeriggi, nelle notti
e nei miei sogni.

Anche se provo a gridare
per scacciarti, non svanisci.
Guardo il cielo mentre le onde
imperversano verso notti piene
di nostalgia.

Ehi, le mie gambe incontrollabili
ti cercano, anche se non posso vederti.
Le mie dita tremanti t’implorano,
anche se non posso toccarti.
La mia bocca è colma di preghiere,
anche se non posso parlarti.

Scivolando tra le stelle,
pascolando sulla luna,
corro.
“Voglio vederti”.

Nelle notti in cui il mio cuore
mi usciva dal petto,
avrei voluto cantare con te,
dall’altra parte della finestra.
Invece mi restano i ricordi
e frammenti di passione.

Anche le mie canzoni, i suoni,
le parole e le bugie
si sono frantumati.

Anche se grido fino a perdere la voce,
tu non sei qui.
Un mare di stelle m’inghiotte,
portandomi alla fine
di queste notti insensate.

Ehi, le mie gambe tremanti ti cercano,
anche se non posso vederti.
Le mie dita congelate t’implorano,
anche se non posso toccarti.
La mia bocca è dilaniata dalle preghiere,
anche se non posso parlarti.

Superando le stelle,
più lontano della luna,
corro.
“Mi manchi tanto”.

Guardiamo in alto,
verso la stessa notte,
lo stesso cielo,
dove c’è la stessa luna.

Tra lo scorrere dalla sabbia instabile,
noi andiamo sempre più a fondo.
E intanto le stelle brillanti di luce
c’invitano gentilmente.

Le mie gambe incontrollabili ti cercano.
Le mie dita tremanti t’implorano.
La mia bocca è colma di di preghiere.
Riversando la mia voce esclamo:
“sono proprio qui”.

Allora, presto,
prima che le stelle svaniscano,
correrò
verso di te.

Allora, presto,
prima che la luna svanisca,
la mia mano tesa
punterà
verso di te.


Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
0
Lascia una recensione!x