A cura di Dana

SCHEDA

Titolo originale: Cat Street
Traduzione letterale: Gatti di Strada
Titolo internazionale: Cat Street
Autrice: Yoko Kamio
Genere: shoujo – sentimentale, drammatico, slice of life
Rating: consigliato ad un pubblico maturo
Anno di pubblicazione in Giappone: 2005
Casa Editrice giapponese: Shueisha
Volumi: 8 (concluso)

Titolo in Italia: Cat Street
Traduzione: Claudia Baglini.
Anno di pubblicazione in Italia: 2006
Casa Editrice italiana: Planet Manga, a 4 euro al numero
Volumi: 8 (concluso)

Trasposizione video
– Telefilm live: “Cat Street” drama di 6 episodi, trasmesso in Giappone nel 2008

TRAMA

Keito Aoyama è una bambina prodigio all’apice della carriera teatrale, quando si trova improvvisamente a dover affrontare la situazione più penosa per la vita di un bambino ed attore: il tradimento di un’amica, che prima la usa per il proprio tornaconto, poi la ferisce nel peggiore dei modi; rovinandole anche il lavoro.

Adesso Keito ha sedici anni, e vive rintanata in casa, sfuggendo da tutto e tutti. Non va più a scuola, non ha amici, ha brutti rapporti con il resto dei famigliari, e ha abbandonato del tutto la recitazione.
Ma in agguato, all’angolo della strada, qualcuno le farà affrontare i fantasmi del passato….

IMMAGINI clicca per ingrandire

LINK inerenti alla serie

Altre opere di Yoko Kamio recensite da questo sito:

COMMENTI

– Hai letto questa opera e vuoi recensirla, consigliarla o sconsigliarla agli altri utenti del sito? Basta solo che scrivi un Commento qua sotto!
– Oppure leggi i Pareri all’opera dati dagli altri visitatori del sito, sempre qua sotto!

1
Lascia una recensione

Please Login to comment
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Marichan Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
più nuovi più vecchi
Notificami
Marichan
Staff

– Commento di DANA –

Da “Hanayori Dango” (precedente opera dell’autrice) a “Cat Street” la differenza è talmente impalpabile, da essere pressocchè inesistente.
Guardando Keito sembra di vedere Tsukushi (l’eroina di “Hanayori Dango”).
Solo qualche particolare – una pettinatura, la forma degli occhi, un viso più tondo – rendono i personaggi distinguibili.
Il tratto dell’autrice resta comunque sempre molto curato, attento ai particolari e pulito.
Maggiore impegno è dato alla caratterizzazione dei volti maschili.
Pochissime le ombreggiature.
Belli gli sfondi quando ci sono.

La storia è molto ben narrata e si svolge senza fretta, lasciando il tempo di conoscere i personaggi, di comprenderne il carattere, che viene ben sviluppato in ogni sua sfumatura.

Un manga interessante e introspettivo, che mostra una maturazione rispetto al precedente lavoro dell’autrice.

Un fumetto che non mi ha deluso: decisamente da provare!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca prima su "maggiori informazioni" e poi su "Accetto" se desideri continuare MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per informazioni vedi Privacy Policy

Chiudi