manga – TOKYO MEW MEW (Mew Mew amiche vincenti) – di Mia Ikumi, Reiko Yoshida

4 1 Vota
Vota l'opera (solo registrati)

A cura di Dana

SCHEDA

Titolo originale: Tokyo Mew Mew – (東京ミュウミュウ)
Titolo internazionale: Tokyo Mew Mew
Autrici: disegnato da Mia Ikumi e scritto da Reiko Yoshida.
Genere: azione, avventura, fantasy, sentimentale
Target: shoujo
Rating: adatto a tutti
Anno di pubblicazione in Giappone: 2001 – nuova edizione nel 2022
Casa Editrice giapponese: Kodansha
Volumi: 7 (concluso)

Titolo in Italia: Tokyo Mew Mew
Anno di pubblicazione in Italia: 2004
Casa Editrice italiana: Play Press
Volumi: 7 (concluso)
Nota: Purtroppo la casa editrice ha fatto la discutibile scelta di usare, nel fumetto, i nomi italiani usati nel cartone animato, invece di quelli giapponesi originali.

TRAMA

In seguito ad un esperimento cinque fanciulle, di varia età, si ritrovano con i propri geni mescolati a quelli di animali in via d’estinzione.
Questa particolarità permette loro di trasformarsi in paladine della giustizia, in lotta contro cattivi alieni. Ma infine… questi alieni sono poi così perfidi?

IMMAGINI clicca per ingrandire

OPERE RELATIVE

Manga relativi:
Tokyo Mew Mew a la mode
– Tokyo Mew Mew Ore!
– Tokyo Mew Mew 2020: Return

Anime
Tokyo Mew Mew – serie tv di 52 episodi, trasmessa anche in Italia come “Mew Mew Amiche Vincenti”.
– Tokyo Mew Mew New – serie tv

LINK inerenti alla serie

Materiale su “Tokyo Mew Mew” presente sul sito:

Altre opere di Mia Ikumi presenti sul sito:

RECENSIONI

Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Marichan
Staff
Super
9 anni fa

– commento di Dana –

La sagra dei nastri, fiocchi, fronzoli, gale e orpelli. Deliziosi faccini dai grandi occhi, personaggi eterei ma accattivanti.
Disegnato accuratamente, con mano ferma e leggera.
Quasi inesistenti le ombre, il nero è usato raramente se non per i capelli o vestiti.
Sfondi inesistenti.

Shoujo manga a tutti gli effetti; la storia non è delle più nuove, ma le maghette piacciono sempre.

I personaggi sono ben caratterizzati, specie Strawberry (Ichigo), con tutte le sue turbe adolescenziali e il suo grande amore per Mark (Masaya).

Fa il verso alla famosa Sailor Moon, senza averne però l’ironia.

La serie sarebbe più convincente se non lasciasse tanti punti in sospeso, finendo repentinamente con una conclusione che lascia con l’amaro in bocca.

Se vi piace il genere, correte in edicola o fumetteria!

1
0
Lascia una recensione!x
()
x