A cura di Dana

SCHEDA

Titolo originale: Elfen Lied
Traduzione letterale: il titolo (che tradotto sarebbe “canzone elfica” o “canzone degli elfi”) è preso da una triste canzone tedesca di Eduard Mörike.
Titolo internazionale: Elfen Lied
Genere: serie tv – seinen, horror, soprannaturale
Rating: consigliato ad un pubblico adulto e non facilmente impressionabile (presenza di splatter)
Numero episodi: 13 (concluso)
Anno di uscita in Giappone: 2004
Rete tv giapponese: TV Tokyo
Tratto: tratta dal manga “Elfen Lied” di Lynn Okamoto.

Regista: Mamoru Kanbe
Sceneggiatura: Takao Yoshioka
Character design: Seiji Kishimoto
Musiche: Kayo Konishi, Moka, Yukio Kondoh
Studio di animazione: Studio ARMS

In Italia: inedito
Reperibilità: è possibile trovarla fansubbata grazie al gruppo Bowling Ball Fansubs.

Sigle:
Sigla iniziale:
“Lilium” di Kumiko Noma
Sigla finale:
“Be Your Girl” di Chieko Kawabe

TRAMA

Kouta e Yuka, mentre passeggiano sulla spiaggia, trovano una ragazza nuda, dai lunghi capelli rossi, ferita e che vaga con aria smarrita.
E’ Lucy, il capostipite di una nuova specie di esseri umani, scappata da un misterioso laboratorio militare dove per anni ha subito i più terribili esperimenti.
La ragazza sembra aver perso la memoria e la parola, e così Kouta decide di soccorrerla e portarla a casa sua, ribattezzandola con il nome “Nyuu”.
Ma di certo i militari del laboratorio la stanno cercando… Senza contare che Lucy/Nyuu non è affatto una creatura buona e indifesa…

IMMAGINI clicca per ingrandire

DOPPIATORI

PERSONAGGI – DOPPIATORI ORIGINALI
Lucy / Nyuu – Sanae Kobayashi
Kouta – Chihiro Suzuki
Kouta bambino – Hitomi Nabatame
Mayu – Emiko Hagiwara
Yuka – Mamiko Noto
Nana – Yuki Matsuoka
Professor Kakuzawa Yu – Hiroaki Hirata
Bando – Jouji Nakata
Kakuzawa – Kinryuu Arimoto
Kanae – Maria Yamamoto
Kurama – Osamu Hosoi
Mariko – Tomoko Kawakami
Arakawa – Iriko Ishihara
Sniper – Hajime Iijima
Shirokawa – Hitomi Nabatame
Comandante SAT – Masakazu Kohara

OPERE RELATIVE

Manga
Elfen Lied

LINK inerenti alla serie

Materiale su “Elfen Lied” presente sul sito:

Altre opere di Mamoru Kanbe presenti sul sito:

RECENSIONI

– Hai visto questa opera e vuoi recensirla, consigliarla o sconsigliarla agli altri utenti del sito? Basta solo che scrivi un Commento qua sotto! – Oppure leggi i Pareri all’opera dati dagli altri visitatori del sito, sempre qua sotto! – Puoi anche discuterne sul nostro Forum.

4
Lascia una recensione

Please Login to comment
4 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
4 Comment authors
FrAKKiaMarichanLaplace Demonjunko ko. Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
più nuovi più vecchi
Notificami
FrAKKia
Bazarino
FrAKKia

Here we go, ELFEN LIED.
Ho poco da aggiungere. L’anime horror/spallter per eccellenza.
Trama VOTO 9
Disegni voto 7
l’unica pecca di questo anime sono i disegni, ma il tutto viene compensato dal sangue e dalla violenza. ( XD )

Considerazioni finali
il solo fatto che non è stata presa in considerazione di finire l’anime con la seconda stagione mi ha fatto pensare che questo è un mondo molto crudele..
anime per quanto mi riguarda fantastico.. non è solo violenza e sangue.. ma anche drammaticità.. in certi casi mi sono anche commosso..
voto finale 9.

Marichan
Staff

– commento di Dana –

Buona l’animazione e la grafica, che rispetta abbastanza il character design del manga. Unico appunto la forma degli occhi, estremamemnte grandi, dei personaggi principali.
Insomma i due protagonisti umani “normali” dovrebbero essere due ragazzi universitari, e quegli occhioni proprio non ci stanno.
Non mancano le scene in cui Lucy, il diclonius protagonista, appare nuda; scene a mio avviso superflue, visto che sono assolutamente ininfluenti nella trama.
Tutto il contrario della scena iniziale dell’anime in cui Lucy appare nuda ma per ovvi motivi (no spoiler!).

L’anime di “Elfen Lied” si svolge in tredici puntate che sono, a mio avviso, non sufficienti a dipanare la complicata storia che si cela dietro la nascita di un nuovo genere di essere umano; i diclonius/dicronius (nell’anime con la L nel manga con la R).
Il cartone termina in maniera, a mio dire, un po’ troppo rapida, lasciando molti punti in sospeso; anche se bisogna ammettere che non ci sono mai cali di tono nello svolgimento della storia.

La trama dell’opera potrebbe sembrare un po’ scontata, se non fosse per un’accurato lavoro psicologico, che rende molto reali e intensi i personaggi, sia protagonisti che comprimari.
Forse l’unica eccezione è un po’ il protagonista Kouta, buono fino all’inverosimile, e che riesce a trasformare la sua casa in una specie di gineceo! Bhe, buon per lui!

La storia è stata creata per un pubblico adulto: la trama è molto drammatica, e le scene cruente in cui appaiono del sangue e delle mutilazioni, lo rendono assolutamente sconsigliato a chi è troppo sensibile o impressionabile.

Veramente degna di nota la sigla di testa; su fondali delle opere di Klimt (famoso pittore visionario di fine ‘800) appare Lucy, nuda con i lunghi capelli rossi che sottolineano il suo liscio corpo eburneo.
Ad accompagnare le immagini c’è un canto gregoriano (forse preso, o ispirato, dai Carmina Burana) in latino, così intenso e sconvolgente da far venire la pelle d’oca.

Il mio consiglio?
Vedetevi sia l’anime sia il manga, è necessario averli entrambi per apprezzare al meglio quest’opera.

Laplace Demon
Staff
Laplace Demon

Quest’anime non l’avevo mai visto. Ne ho sempre solo sentito parlare o visto numerosi amv a lui dedicato (durante la visione, infatti, in alcune scene pensavo ad uno con in sottofondo The Misery dei Sonata Arctica). Una volta deciso, finalmente, di visionarlo, debbo dire che si tratta di un prodotto molto particolare che m’ha provocato tante emozioni in una volta (gioia, tenerezza rabbia e anche un po’ di disgusto per la triste situazione di Mayu).
Insomma, come detto nel commento sopra, è molto bello, ma è sconsigliatissimo a chi è particolarmente sensibile (ma alla fin fine se uno ci pensa… questo è all’acqua di rose in confronto a Higurashi No Naku Koro Ni secondo me).

junko ko.
Bazarino
junko ko.

Avevo letto tempo fa questa recensione, avevo fatto le mie ricerche e visto qualche parere relativo a quest’opera. Poi Lucy era così carina nelle immagini, così ho pensato “ma perchè non guardarlo?! in fondo, cosa vuoi che sia???” bene… mi sono fermata alla seconda puntata. Non voglio dire che quest’opera non sia da guardare o che sia brutta, anzi, tutti la giudicano un capolavoro o un anime particolare che parla di tematiche importanti e che fa riflettere molto.
Vorrei solo sconsigliarla VIVAMENTE a chi è molto sensibile e si impressiona facilmente (come me -.-), perchè potrebbe avere incubi o rimanerne molto colpito (come me -.-). Purtroppo mi dispiace di essere fatta così male, perchè mi sarebbe davvero piaciuto guardarlo! forse un giorno ci riuscirò e sicuramente quel giorno sarò in compagnia di qualcuno e leggerò solo i sottotitoli senza l’audio!! :)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca prima su "maggiori informazioni" e poi su "Accetto" se desideri continuare MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per informazioni vedi Privacy Policy

Chiudi