Vota questa opera!
[Totale: 1 Media: 3]

A cura di Marichan

SCHEDA

Titolo originale: Present for Me
Titolo internazionale: Present for Me
Autore: Masakazu Ishiguro
Genere: fantascienza, raccolta
Target: seinen
Rating: consigliato ad un pubblico maturo
Anno di pubblicazione in Giappone: 2007
Casa Editrice giapponese: Shonen Gahosha
Volumi: 1 (concluso)

In Italia: inedito

TRAMA

Una raccolta di sette breve storie, pubblicate su rivista tra il 2000 e 2004 da Masakazu Ishiguro (autore anche del famoso “Soredemo Machi wa Mawatteiru” – pubblicato in Italia con il titolo “Eppur… la città si muove!”) e successivamente raccolte in questo volume.
I racconti sono tutti molto brevi, ma ognuno ha la particolarità di finire in modo insolito, con un colpo di scena.

Le storie sono:
1 – Young psychic survivor team – Un gruppo di giovani esper rimane bloccato su un’isola deserta, e cercheranno come possono di sopravvivere.
2 – Present for me – Una bambina, rimasta sola, trova un robot, che parla e ragiona, ma che non riesce più a muoversi. Decide di aiutarlo riparandolo… E’ la storia che dà il titolo al volume, e che è rappresentata in copertina.
3 – Lazoman – Rimasto senza lavoro e senza prospettive, un uomo diventa un supereroe, armato solo di un lazo
4 – Count-down – I ragazzi di un club sul cinema si riuniscono per decidere che progetto realizzare per partecipare ad un concorso.
5 – Barbara – La classica battaglia tra maghe e streghe, ma con… qualche novità.
6 – Taizou’s helmet – Una ragazza va in un negozio per comprare un casco, e nella bottega ce ne sono di davvero strani!
7 – Hero – Cosa succede quando un supereroe non ha più nemici da combattere?

IMMAGINI clicca per ingrandire

LINK inerenti alla serie

Altre opere di Masakazu Ishiguro presenti sul sito:

RECENSIONI

Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Marichan
Staff
20/06/2013 13:36

Volume di cui non si può dir molto, proprio per la brevità delle storie (una ventina di pagine ciascuna). Bisogna però riconoscere l’abilità dell’autore nel creare, per ognuna, un finale inaspettato: tutte termineranno con un colpo di scena! La migliore è quella che dà il titolo al volume, che è anche l’unica che mi ha commosso.

1
0
Lascia una recensione!x
()
x

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca prima su "maggiori informazioni" e poi su "Accetto" se desideri continuare MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per informazioni vedi Privacy Policy

Chiudi