manga – LA FIGLIA DELL’OTAKU (Otaku no musume-san) – di Stahiro

1
3.5 2 Voti
Vota l'opera (solo registrati)

Scheda a cura di Beppe black Red.

SCHEDA

Titolo originale: Otaku no musume-san – (おたくの娘さん)
Titolo internazionale: Otaku’s Daughter
Autore: Stahiro
Genere: commedia, slice of life
Target: shounen
Rating: consigliato ad un pubblico maturo
Anno di pubblicazione in Giappone: 2006
Casa Editrice giapponese: Kadokawa Shoten (rivista “Dragon Age”)
Volumi: 11 (concluso)

Titolo in Italia: La Figlia dell’Otaku
Anno di pubblicazione in Italia: 2011
Casa Editrice italiana: Magic Press
Volumi: 11 (concluso)

TRAMA

Morisaki Kouta, 26 anni, lavora come assistente di un famoso mangaka ed è un otaku della peggior specie: colleziona figures erotiche, passa le notti giocando ai gal game, non rinuncia a una sola puntata del suo anime preferito e disegna anche doujinshi vietate ai minori.
Ma un giorno accade l’impossibile.
Una bambina di 9 anni bussa alla sua porta e lo chiama “papà”!
Un papà immaturo, che dovrà imparare a convivere con una figlia probabilmente più responsabile di lui; in un condominio frequentato da gente completamente fuori di melone.

IMMAGINI clicca per ingrandire

RECENSIONI

Subscribe
Notificami
1 Commento
Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Beppe Black red
Staff
Fidato
9 anni fa

Il manga e senza dubbio un ottimo Life of slice che ha nei suoi pregi, oltre alle innumerevoli gag e citazioni a vari anime e manga, la gestione dei personaggi. Ho apprezzato molto la gestione dei personaggi, che da’ il giusto spazio a tutti, permettendosi così di avere un cast molto ricco ma con una storia ben definita, per spostarsi sui sentimenti (sopratutto con Nicchi Senpai e Kanau) con i protagonisti, che catapultati in piccole, ma nuove realtà per entrambi (come le riunioni scolastiche o il Comiket) con una buona dose tra ironia e simpatia, ma anche con momenti decisamente drammatici e capaci di tenere in sospeso e coinvolgere.
Ottimo anche finale, incredibile ed anche “aperto”.
Da menzionare anche le varie strisce sotto la sovra coperta, che narrano le vicende personali dell’autore in modo simpatico ed ironico.
Tra i contro una certa ripetitività all’inizio di alcune situazioni (con protagonista quasi sempre Kouta).

Rileggendo i volumi non posso che essere soddisfatto della storia, in quello che reputo uno dei miei migliori acquisti in fatto di manga.

Riguardo all’edizione Italiana, ad opera della Magic Press, devo dire che a mio parere è davvero ben fatta e fedele per quanto riguarda le Cover degli 11 volumi, e con le prime pagine di ogni volumetto a colori e una sovra copertina (inoltre per i primi due numeri ho visto allo stand della magic press al Lucca comics 2011 che sono usciti delle sovracopertine con le scritte in oro ). Per quanto riguarda le traduzioni, è uno dei pochi manga che conosco che ha lasciato nei dialoghi i suffissi come kanau-chan e le onomatopee in Kanji.

1
0
Lascia una recensione!x