frasi – HIGURASHI NO NAKU KORO NI

Per aggiungere una citazione da questa opera, inseriscila come commento qua sotto. Avvisa se ci sono spoiler!


1
Lascia una recensione

Please Login to comment
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
TheBattlerGalu Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
più nuovi più vecchi
Notificami
TheBattlerGalu
Ospite
TheBattlerGalu

Frasi alla fine di ogni episodio:

“Puoi credere… A ciò che vedono i tuoi occhi?
Puoi credere… A ciò che percepiscono i tuoi sensi?
Puoi credere… A me?”

“Ciò che puoi vedere è il luogo ideale per le menzogne.
E ciò che vi puoi scorgere è uno sguardo empio.
Ciò che puoi vedere in me è una tristezza che ritorna.”

“Non temere il nostro incontro di domani.
Non ferire il tuo cuore.
Non chiedere scusa per quanto è successo ieri.”

“Vuoi trovare… Il vero te stesso?
Vuoi trovare perdono… Per la tua incapacità?
Vuoi capire… Un’altra me stessa?”

“Ciò che vuoi vedere è la forma della notte.
Ciò che vuoi sentire è il rumore di passi smarriti.
Ciò che vuoi conoscere è il vero posto giusto per te.”

“Ciò che sta tremando… è il tuo cuore.
Ciò che lo sta causando… è l’ombra dell’oscurità.
Ciò che ti raggela… è l’ingannatrice, che sono io.”

“Un rimorso che non può essere sopito.
Un’esistenza a cui non si può concedere perdono.
Ciò che vi è scolpito dentro, è un’altra me.”

“Ciò che sto dimenticando è il calore del tuo corpo.
Ciò che me lo rammenta sono il rumore dei passi della tristezza.
Ciò che mi incoraggia verso la porta è il frammento di un ricordo.”

“Ciò che non trova sollievo sono le lacrime degli orfani.
Ciò che non può essere fermato è il grido del desiderio.
Ciò che viene a farti visita è la catena dell’odio.”

“Ciò che desideravi era appisolarti come sempre.
Ciò che puoi sentire è il perfido rumore della pioggia.
Ciò che l’ha fatta scendere è la porta dell’oscurità.”

“Ciò che ti confonde sono le orme della gente.
Ciò che ti insegue sono sguardi sospettosi.
Ciò che se ne va è un altro te stesso.”

“Il rumore dei passi, un sussurro ormai appassito.
Ciò che puoi vedere sono i vortici nella nebbia.
Ciò che puoi sentire è la compassione della tua stessa ragione.”

“Ciò che è venuto a farti visita è l’ombra del crepuscolo.
Ciò che si è perso, sono le tenebre del tempo.
Ciò che incontrerai sono frammenti di passato e di futuro.”

“Ciò che desideri è una forma che non tremi.
Ciò che cerchi è il sentiero della luce.
Ciò che hai trovato è la tristezza di sempre.”

“Ciò che incontrerai è la ricompensa per la tua gentilezza.
Ciò che cadrà è un labirinto verso la tristezza.
Ciò che brucia è un pensiero rivolto al risentimento.”

“Ciò che hai perso di vista è la consueta via del ritorno.
Ciò che non puoi mantenere è la promessa verso te stesso.
Ciò che non puoi cancellare è il ricordo di me.”

“Ciò che è stato cancellato è il profumo dei tuoi ricordi.
Ciò che si può vedere sono le conseguenze del risentimento.
Ciò che risuona è il suono dei passi che giungono dal passato.”

“Ciò che cerchi è un po’ di tranquillità.
Ciò che puoi vedere è un corridoio di risentimento.
Il luogo in cui conduce è al dì là delle tenebre.”

“Ciò che ti ha sfiorata è un’ombra tremante.
Ciò che risuona è l’eco della tristezza.
Ciò che permea l’aria è il profumo di un ricordo bruciato.”

“Ciò che stai attraversando è l’incrocio di sempre.
Ciò da cui stai correndo lontano è un angolo oscuro.
Il luogo che vuoi raggiungere è un riparo dal diluvio.”

“Ciò che può essere cancellato è l’immagine lasciata dal passato.
Ciò che è invitato è l’immagine riflessa del futuro.
Ciò che se ne ottiene è un altro capriccio.”

“Ciò che ti trafigge è il ricordo della felicità.
Ciò che ti permette di sfuggirli è l’annuncio che lo accompagna.
Ciò che ti può salvare è lo smarrimento di un istante.”

“Il luogo su cui corri è la strada di sempre che porta a casa.
Ciò che procede strisciando è il segnale di un imminente sfortuna.
Ciò che la può innescare sono miseri appunti.”

“Il sangue che fuoriesce è un ricordo verso il passato.
Ciò di cui ti sei reso conto è il peso dei peccati.
Ciò che si trova là è la conclusione futura.”

“Ciò che si è smarrito è la classe dei tuoi ricordi.
Ciò che risuona è un sospiro verso la disperazione.
La sua destinazione è la fine dell’inizio.”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca prima su "maggiori informazioni" e poi su "Accetto" se desideri continuare MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per informazioni vedi Privacy Policy

Chiudi