manga – VALMONT: LE RELAZIONI PERICOLOSE (Shishaku Valmont: Kiken na Kankei) – di Chiho Saito

A cura di Sophitia e Marichan

SCHEDA

Titolo originale: Shishaku Valmont: Kiken na Kankei – (子爵ヴァルモン~危険な関係~)
Titolo internazionale: Viscount Valmont: Dangerous Liaisons
Autrice: Chiho Saito
Genere: josei, drammatico, sentimentale, storico
Rating: adatto ad un pubblico adulto 
Anno di pubblicazione in Giappone: 2010
Casa Editrice giapponese: Shogakukan
Rivista: Flowers
Tratto: il manga è l’adattamento del romanzo “Le relazioni pericolose” di Pierre Choderlos de Laclos (da cui è stato tratto anche un famoso film)
Volumi: 2 (concluso)

Titolo in Italia: Valmont: Le relazioni pericolose
Anno di pubblicazione in Italia: 2014
Casa Editrice italiana: Planet Manga
Traduzione: Laura Giordano e Silvia Vascotto
Lettering: Andrea Renzoni
Volumi: 2 (concluso)

TRAMA

Francia, pieno ‘700, prima della Rivoluzione Francese. Tra la nobiltà francese, spicca il Visconte Valmont. Bello e senza scrupoli, vive come un vero libertino, seducendo donne che poi abbandona senza tanti rimorsi, e senza fare attenzione a non farsi scoprire, tanto che è sulla bocca di tutti.
Sua controparte, libertina come lui, è la Marchesa di Merteuil; che è però più attenta a non destare scandalo pubblicamente, ma che è anche dedita agli intrighi e alla manipolazione altrui.
Quando la donna scopre che un suo ex amante sta per sposarsi con una ragazzina di nome Cecile;  a sua volta però innamorata di un altro giovane; decide di vendicarsi, usando proprio Valmont come pedina.
Nel frattempo l’uomo ha messo gli occhi su Madame de Tourvel, una dama affascinante ma pia, e poco interessata all’amore. Valmont è stuzzicato dall’idea di conquistare una donna così devota, ma progetta di abbandonarla una volta raggiunto il suo scopo.
Ma, quel pericoloso gioco di seduzione, diventa l’inizio della fine…

IMMAGINI clicca per ingrandire

LINK inerenti alla serie

Altre opere di Chiho Saito presenti sul sito:

RECENSIONI

– Hai letto questa opera e vuoi recensirla, consigliarla o sconsigliarla agli altri utenti del sito? Basta solo che scrivi un Commento qua sotto! – Oppure leggi i Pareri all’opera dati dagli altri visitatori del sito, sempre qua sotto! – Puoi anche discuterne sul nostro Forum.

1
Lascia una recensione

Please Login to comment
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Marichan Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
più nuovi più vecchi
Notificami
Marichan
Staff

Ho da poco letto un saggio storico molto interessante chiamato “Gli ultimi libertini” di Benedetta Craveri, in cui l’autrice ricostruisce, appunto, la vera vita dei libertini nella corte di Francia del XVIII secolo, ma invece di soffermarsi sugli aspetti più “erotici” l’autrice, per fortuna, racconta il mondo di regole e di pensiero che ad essi dovevano sottostare, pur dicendo di essere “liberi”, tra cui quella più importante: non innamorarsi mai.
Lo stesso spirito l’ho trovato in questo bel manga, che ho letto da poco, nonostante sia stato pubblicato in Italia anni fa (ma io non me lo ricordavo proprio, o mi è sfuggito o è stato poco reclamizzato). Tratto da un libro epistolare, da cui a sua volta è stato realizzato un film (da vedere!) l’autrice riesce benissimo a spiegare e districare un gioco pericoloso, con tanto di spiegazioni sulla meschinità’ umana e sul’amore. Questa cosa mi ha stupito, perchè ammetto di non essere una grande fan della Saito; fa dei manga ben disegnati, ma spesso le trame si perdono (opinione mia).
Una libertà che si prende l’autrice è di spostare la storia in avanti, alle porte della rivoluzione francese, mentre in originale è ambientato molto prima (forse un riferimento a Lady Oscar?) ma è un particolare che non rovina l’atmosfera.
L’edizione della Planet Manga è senza infamia e senza lode (peccato la mancanza di sovracopertina per due volumetti così spessi), ma devo fare ai complimenti ai traduttori/adattatori per i dialoghi, che sono capibili, ma riprendono un modo di parlare “alto” e tipico dell’aristocrazia. Tra l’altro il fumetto è denso di scritte, perciò immagino sia stato un lungo lavoro.
Consigliato a chi ama le storie storiche e gli intrighi, e chi conosce già l’opera. Potrebbe anche piacere a chi piace avere dei protagonisti cattivi… infatti il visconte di Valmont e la marchesa de Mertueil sono senza scrupoli. Gli altri temo potrebbero trovarlo un po’ troppo “pesante” denso com’è di dialoghi e disegni pieni di linee e particolareggiati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca prima su "maggiori informazioni" e poi su "Accetto" se desideri continuare MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per informazioni vedi Privacy Policy

Chiudi