recensione film e drama – LADY OSCAR: THE MOVIE – di Jacques Demy

A cura di Marichan

SCHEDA

Nel 1972 iniziò la pubblicazione in Giappone del manga “Versailles no Bara” (“Le Rose di Versailles”, titolo originale dell’opera da noi nota come “Lady Oscar”). Il fumetto ebbe un tale successo che nel 1978 (ben 7 mesi prima della messa in onda dell’omonimo cartone animato, famosissimo anche in Italia) decisero di realizzare un film “live” con attori in carne e ossa.
Titolo originale: Lady Oscar The Movie
Titolo internazionale: Lady Oscar The Movie
Genere: film – consigliato ad un pubblico maturo
Paese: Il film è una coproduzione francese e giapponese
Durata: 124 minuti
Anno di uscita: 1978 – Uscito in Giappone con l’audio originale inglese con sottotitoli

Regista: Jacques Demy
Sceneggiatura: Patricia L. Knop
Fotografia: Jean Penzer
Art director: Bernard Evein
Musiche: Michael Legrand
Costumi: Jacqueline Moreau

Titolo in Italia: Lady Oscar The Movie
Anno di pubblicazione in Italia: in Italia arriva nel 1982; subito dopo la trasmissione dell’anime.
Trasmissione in tv: Italia Uno, Sky
Censura nell’edizione televisiva:
Edizione italiana: Reperibile in VHS e in DVD grazie alla Yamato Video. La versione in dvd ha in più delle scene tagliate nelle precedente edizione.

Sigle:

TRAMA

Il film tenta di condensare in circa due ore le vicende che tutti conosciamo.

Il movie inizia con la nascita di Oscar; ultima figlia di Jarjayes, che verrà allevata come un uomo per volere del padre, che vuole a tutti i costi un erede maschio.

Si passa al periodo adulto, quando la ragazza dovrà decidere se rimanere un soldato fedele al re e ignorare l’amore del suo migliore amico; oppure passare dalla parte del popolo e contraccambiare l’amore di André.

IMMAGINI clicca per ingrandire

CAST

Oscar François: Catriona Mccoll
Oscar bambina: Patsy Kensit
Andrè Grandier: Barry Stokes
Generale De Jarjayes: Mark Kingston
Maria Antonietta: Christina Bohm
Duchessa De Polignac: Sue Lloyd
Conte Fersen: Jonas Bergstrom
Rosalie: Sheila McLeod
Jeanne: Anouska Hempel
Madre di Rosalie e Jeanne: Cadine Constan
Luigi XVI: Terence Budd
Conte de Girodel: Martin Potter
Bernard Chatelet: Michael Osborne
Nonna di André: Constance Chapman
Robespierre: Chris Ellison
Nicholas de la Motte: Mark Marshall
Delfino Louis Joseph: Paul Spurrier

LINK opere collegate al manga

Materiale su “Lady Oscar” presente su questo sito:
– Lady Oscar recensione anime
– Lady Oscar  recensione manga
– Lady Oscar recensione libri
– Censure anime
– Fanart
– Fanfiction
– Le frasi più belle
– Sigla italiana anime
– Testi sigle anime
– Wallpapers

Discussioni sul forum:
– Lady Oscar [Anime]
– Lady Oscar [Film]

COMMENTI

Hai visto questo anime e vuoi recensirlo, consigliarlo o sconsigliarlo agli altri utenti del sito? Basta solo che scrivi un Commento qua sotto!

1
Lascia una recensione

Please Login to comment
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Marichan Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
più nuovi più vecchi
Notificami
Marichan
Staff

Quando ho visto questo film la prima volta ero da sola, piena di buone speranze ed emozionata; essendo una fan di Oscar e non vedevo l’ora di vederne il live: ma poco dopo aver fatto partire la cassetta mi sono pentita di aver accesso il videoregistratore!
La seconda volta ero in compagnia di amiche, ero già preparata al peggio, e abbiamo riso tutto il tempo, scambiandoci battute e prendendola in modo comico.
Credo che questo riassuma la critica di questo film: se lo si guarda seriamente, può solo deludere e arrabbiare; perché purtroppo è un movie di bassa qualità. Meglio invece guardarlo senza aspettarsi niente di che, magari in compagnia di qualche amico, come una curiosità.

Il film è stato girato prima del famoso anime, con spunto di base solo il manga. E’ probabile che il regista e gli sceneggiatori abbiano cercato di rendere la storia più “storicamente realistica”, sia per quanto riguarda il vestire dei personaggi che (tranne Oscar, che porta delle uniformi quasi da carnevale) è accurato – per esempio quasi tutti portano le parrucche, come in effetti avveniva nel ‘700 -; che l’ambientazione (riuscirono a girare il film nella vera Versailles, in Francia! Difatti gli ambienti sono bellissimi!); e se questo può essere apprezzabile; purtroppo la storia e la caratterizzazione dei personaggi fa acqua da tutte le parti.

I vari personaggi hanno pochi minuti per entrare in scena e per raccontare la loro storia, e perciò non c’è molto tempo per presentarli; ma almeno Oscar e Andrè avrebbero meritato una maggiore cura.
Invece Oscar sembra una ragazza capricciosa e poco decisa, goffa e impacciata (non riesce a salire sul cavallo da sola…), e nemmeno i suoi sottoposti sembrano prenderla molto sul serio, sembra quasi una dama di compagnia della regina con un vestito eccentrico, più che un soldato incaricato di proteggerla. Purtroppo la recitazione non brillante dell’attrice non aiuta. Inoltre la McConall è molto femminile e bassa, diversa da Oscar che sarebbe dovuta essere alta e androgina. Nel film non si accenna affatto alla sua lotta interiore, al suo dubbio se continuare a comportarsi come uomo; o accettare il fatto di essere donna; che invece era predominante nella trama originale.
Andrè è rissoso, sempre arrabbiato, senza la dolcezza che invece troviamo nel fumetto e cartone animato. Più che innamorato di Oscar, sembra che gli importi solo di potarsela a letto (c’è anche una scena in cui la spia mentre lei si cambia in camera… no, non scherzo).
La regina Maria Antonietta viene vista solo nel suo lato più frivolo (che di certo aveva, ma non si possono dimenticare anche i suoi lati più drammatici), è un personaggio irritante, intenta solo a fare capricci e a comportarsi come una bambina.
Anche Fersen risulta poco profondo: è visto come un donnaiolo, a cui importa della regina solo sul lato fisico. In effetti il Fersen reale ebbe davvero molte amanti (cosa che però non c’è affatto nel manga e nell’anime), ma per la regina provò un vero amore e dedizione.
Jeanne e Rosalie le si vedono molto poco, sembrano quasi estranee a tutta la vicenda. Rosalie inoltre è mora, invece che bionda; e con Oscar non allaccia nessuna amicizia.
Alain non esiste.
Gli altri personaggi secondari (Girodelle, Robespierre, Bernard, il padre di Oscar…) sono visti in modo molto superficiale e marginale.

Il finale dovrebbe essere serio e drammatico; ma invece fa ridere… La presa della Bastiglia e tutto ciò che porterà ai protagonisti, è vista in modo così assurdo da rasentare il ridicolo; e dà il colpo di grazia ad un film già traballante.

In Italia i personaggi hanno la voce degli stessi doppiatori dell’anime; e questa è una buona cosa; ma l’adattamento non è stato fatto con molta cura: a volte la voce è in ritardo rispetto al labiale dell’attore. Inoltre la produzione italiana aveva tagliato delle scene e dei dialoghi, che comunque potete vedere nell’ultima edizione in dvd, ripristinati con l’ausilio di sottotitoli.

Infine, come ho già detto, guardatelo solo se siete curiosi; ma noleggiatelo (lo si trova nelle videoteche, ho potuto constatarlo di persona) o guardatelo in tv: infatti il film è stato replicato più volte sul satellitare e su alcune tv locali. Ma prendetelo con molta ironia!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca prima su "maggiori informazioni" e poi su "Accetto" se desideri continuare MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per informazioni vedi Privacy Policy

Chiudi