cucina orientale – RAMEN (2° versione)

RAMEN – 2° VERSIONE

Ricetta inviata da Fujiko89

Il Ramen è una zuppa molto diffusa in Giappone che ha origini molto antiche, ne esistono diverse varianti, ogni località giapponese ha la propria versione. Quella che vi presento oggi è la mia versione italianizzata eseguita con ingredienti semplici da reperire. La ricetta originale nella variante simile alla mia prevede noodles, sake, miso, alga nori e alga wakame che io ho sostituito con spaghetti freschi all’uovo, vodka, salsa di soya e spinaci.

Ingredienti per 2 persone
– 1/2 gallina
– 1 patata, 1 carota, 1 cipolla
– 1 pezzetto di zenzero
– 1 cucchiaino di concentrato di pomodoro
– 1 litro di acqua
– 1/2 dado di verdura
– 150 gr di spaghetti all’uovo freschi oppure di tagliolini
– 2 uova
– 2 fettine di lonza di maiale
– 2 cubetti di spinaci
– salsa di soya
– vodka
– zucchero
– sale

Procedimento

  1. La sera prima preparate il brodo e le uova. Mettete in una pentola capiente la gallina, la patata, la carota, la cipolla e lo zenzero sbucciato. Aggiungete poi l’acqua fredda, il dado e fate bollire a fiamma alta. Quando inizia a bollire abbassate la fiamma e fatelo cuocere per 2 ore fino ad ottenere un brodo ristretto. Nel frattempo in un pentolino mettete dell’acqua fredda, le uova e portatele ad ebollizione. Da quanto iniziano a bollire contate 6-7 minuti (non fatele troppo sode) poi appena sono pronte mettetele sotto l’acqua fredda per farle raffreddare. In un pentolino a parte mettete 3 cucchiai di salsa di soia, 1 di vodka e 1 cucchiaini di zucchero. Mettetelo sul fuoco è fatelo scaldare finché non si scioglierà lo zucchero, poi mettetelo da parte a raffreddare. Sgusciate ora le uova sode e mettetele in un sacchetto di plastica per alimenti, ricopritele con la salsa precedentemente preparata e richiudete il tutto in modo che le uova siano completamente ricoperte dal liquido. Mettete poi il sacchetto nel frigorifero per tutta la notte. Quando il brodo avrà finito di cuocere, togliete la pentola dal fuoco, filtrate il brodo con un colino e versatelo in una ciotola. Aggiungete poi 1-2 cucchiai di salsa di soya, il sale (se serve), il concentrato di pomodoro, un pizzico di zucchero e l’olio. Mescolate il tutto e mettetelo in frigorifero coprendolo con la pellicola trasparente.
  2. Il giorno dopo prendete il brodo dal frigo e mettetelo a scaldare sul fuoco. Poi prendete le uova, scolatele dal liquido, tagliatele a metà e mettetele da parte.
  3. Preparate ora la carne. Tagliate a bocconcini la lonza di maiale, in una padella mettete un filo d’olio e fateci rosolare bene la carne. Aggiungete poi 1 pizzico di sale, 1 di zucchero, 1 cucchiaio di salsa di soya e fate cuocere bene il tutto finché il liquido non si sarà addensato. Poi togliete la pentola dal fuoco e mettete la lonza da parte.
  4. Preparate gli spinaci. Io ho usato quelli surgelati che ho messo a bollire in abbondante acqua salata. Quando sono pronti scolateli, strizzateli bene con le mani e metteteli da parte.
  5. Scolate e lavate sotto l’acqua corrente i germogli di soia poi metteteli da parte.
  6. Fate cuocere gli spaghetti al dente in abbondante acqua salata. Quando sono pronti scolateli e bloccate la cottura mettendoli sotto l’acqua fredda.
  7. Ora potete assemblare il ramen. Prendete la vostra scodella o tazza capiente e metteteci dentro gli spaghetti. Sopra mettete gli spinaci, le uova, i germogli di soia e la lonza.
  8. Coprite con abbondante brodo caldo e servite il ramen subito.

Foto (clicca per ingrandire)
Foto passo a passo della ricetta, fatte da Fujiko89.

Ultimo aggiornamento: Maggio 2016

Lascia una recensione

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca prima su "maggiori informazioni" e poi su "Accetto" se desideri continuare MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per informazioni vedi Privacy Policy

Chiudi