cucina orientale – DORAYAKI

DORAYAKI

PRIMA VERSIONE!

Ricetta inviata da Izumi, foto e realizzazione di Marichan.

Ingredienti 

  • 100 grammi Farina tipo 00
  • 2 uova
  • mezzo cucchiaino di lievito in polvere
  • 50 grammi di zucchero
  • un cucchiaio di miele
  • due cucchiai di acqua

Procedimento e Foto passo a passo

In una ciotola, con una frusta (o frullatore elettrico) mischiare lo zucchero e le uova; fino a che lo zucchero non sia più granuloso e sia ben sciolto nel liquido. E’ necessario che le uova non vengano direttamente dal frigorifero ma siano a temperatura ambiente.
Aggiungere la farina al composto, possibilmente con un setacciandola, per evitare la formazione di grumi, e mischiare nuovamente il tutto.
Aggiungere al composto un cucchiaio di miele, mischiare bene.
In una tazza mettete i due cucchiai d’acqua, aggiungete il mezzo cucchiaino di lievito, mescolate molto velocemente e aggiungete all’impasto principale. Mescolate bene per l’ultima volta; e poi mettete in frigo a riposare per 30 minuti.

Porre una padella antiaderente sul fuoco basso e lasciarla scaldare qualche minuto, poi prendere un cucchiaio del composto dal frigo e versarlo nella padella, lasciandolo cadere a goccia in un unico punto (tipo “montagnola”, tranquilli che si espanderà da solo prendendo una forma circolare perfetta e piatta). Si formerà quindi una delle due facce del Dorayaki. Non mischiare assolutamente ma lasciare che si solidifichi.

Aspettate di vedere formarsi in superficie delle specie di “bollicine”, quando appariranno vorrà dire che è l’ora di girarli!

La parte a contatto con la padella sarà più cotta e di colore marrone, e sarà la parte esterna del dolce. L’altro lato deve cuocere meno del precedente. Il lato meno cotto, più giallo e morbido, sarà il lato interno del Dorayaki.

Porre successivamente su un piatto (nella foto sono assieme, ma vanno fatti raffreddare non uno sull’altro o rischiano di appiccicarsi!) e una volta freddi, spalmare la marmellata di Anko (o burro, marmellata, crema… se si vuole variare la ricetta classica. Quelli nella foto qua sotto sono ripieni di nutella e di marmellata di pesche) sul lato meno cotto, chiudere sovrapponendo un altro pezzo seguendo lo stesso principio.

Il Dorayaki è quindi una sorta di piccolo “panino” dolce  composto da due frittelle rotonde, più cotte esternamente, e ripieno di Anko.

FOTO clicca per ingrandire


SECONDA VERSIONE!

Ricetta e foto di Fujiko89!

I dorayaki sono una delle merende più famose del Giappone. Li ricordiamo sopratutto per Doraemon, il simpatico gatto blu della televisione. Sono delle frittelle dolci chiuse a panino con al centro una ricca farcia golosa. In Giappone si usa farcirli con una salsa dolce a base di fagioli azuki, io vi propongo una versione italianizzata con la nutella XD

Ingredienti per 12 dorayaki:

– 200g di farina
– 150g di zucchero a velo
– 3g lievito in polvere per dolci
– 20g di miele
– 180g di acqua
– 2 uova
– nutella o altra farcia

Preparazione:

1. Per prima cosa setacciate tutte le polveri (farina, zucchero a velo e lievito) per evitare si formino grumi e mettetele in una ciotola.
2. Aggiungete poi le uova insieme al miele e all’acqua a temperatura ambiente. (si possono anche aromatizzare con scorza di limone, scorza di arancia, semi di vaniglia oppure si può usare un miele più aromatizzato. io per esempio ho usato un miele di fiori delle alpi)
3. Una volta che avrete aggiunto tutti gli ingredienti bisogna sbattere bene il tutto con la frusta fino ad ottenere un composto privo di grumi e dalla consistenza fluida. (mi raccomando è molto importante non lasciare grumi nell’impasto altrimenti durante la cottura si formeranno gnocche dure)
4. Ora che l’impasto è pronto scaldate la padella (io ho usato quella apposta per le crepes, ma va bene anche una padella antiaderente) e ungetela con della carta bagnata di olio (con la padella per crepes non occorre, infatti io non ho usato olio).
5. Versate un mestolo di composto per ciascun dorayaki (il numero di dorayaki dipende dal diametro della padella e dalla misura che volete dare alle vostre frittelline). In base a quanto impasto versate, si ottengono dei dorayaki più o meno grandi. (come potete vedere dalle foto ci si può sbizzarrire con le misure. non preoccupatevi se non riuscirete subito a fare dei dischi perfetti, è normale. il primo dorayaki non viene mai perfetto, è una mia filosofia di vita ormai)
6. Attendete circa 2-3 minuti e appena in superficie noterete delle piccole bollicine potrete girarli. (io uso una spatola)
7. Lasciate cuocere per 1 minuto circa anche da questo lato e poi togliete i dorayaki e poneteli a raffreddare in un piatto. Proseguite in questo modo fino a finire tutto l’impasto.
8. Gli dorayaki si possono gustare al naturale, ricoperti di panna oppure serviti chiusi a panino farcendoli con confetture o creme. Nutella, marmellata, creme… potete dare libero sfogo alla vostra fantasia! (io li ho fatti alla nutella XD gnam)
9. Se non volete usare tutto l’impasto potete conservarlo in frigorifero per massimo 12 ore oppure cuocete i vostri dorayaki e poi congelateli senza farcitura.

Ultimo aggiornamento: Giugno 2016

2
Lascia una recensione

Please Login to comment
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
2 Comment authors
tensaigaMarichan Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi
Notificami
tensaiga
Bazarino
tensaiga

Una ricetta fantastica e facile da preparare :) Si possono proporre anche a chi non ama la cucina orientale ( io li ho proposti ai miei amici ed è stato un successo) e si mantengono bene anche dopo un po’ di giorni. Con la nutella sono deliziosi ma anche una comune marmellata ci sta bene. Da provare ;)

Marichan
Staff

Da quando ho imparato questa ricetta, mi capita di rifarla spesso ^_^, perchè 1) è facilissima 2) i dorayaki sono leggeri e buoni, hanno il sapore del pan di spagna (tipo pancake americani, ma molto più leggeri) 3) si può mettere dentro qualsiasi cosa (anche se la ricetta originale vuole gli anko, la nutella ci sta proprio bene!) 4) piacciono anche a chi non è avezzo di cucina orientale! 5) gli ho fatti per dei bambini e gli hanno divorati! Uno mi ha detto che sembravano le pedine della dama :)!
Insomma, consiglio di provarli!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca prima su "maggiori informazioni" e poi su "Accetto" se desideri continuare MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per informazioni vedi Privacy Policy

Chiudi