anime – IL MIO VICINO TOTORO (Tonari no Totoro) – di Hayao Miyazaki

A cura di Dana

SCHEDA

Titolo originale: Tonari no Totoro
Titolo internazionale: My Neighbor Totoro
Genere: film d’animazione – kodomo, soprannaturale
Rating: adatto a tutti
Durata: 86 minuti
Anno di uscita in Giappone: 16 aprile 1988

Regista: Hayao Miyazaki
Sceneggiatura: Hayao Miyazaki
Character design: Hayao Miyazaki
Musiche: Joe Hisaishi
Studio di animazione: Studio Ghibli

Titolo in Italia: Il mio vicino Totoro
Anno di pubblicazione in Italia: 2009
Censura: no (tradotto dall’originale giapponese)
Edizione italiana italiana: uscito nei cinema italiani nel 2009, l’anno seguente viene commercializzato in Dvd e Bluray grazie alla Lucky Red.

Sigle
Sigla iniziale:
“Sanpo” di Azumi Inoue.
Sigla finale
“Tonari no Totoro” di Azumi Inoue

TRAMA

Per stare il più vicino possibile all’ospedale dove é ricoverata la madre, due sorelline, Mei e Satsuki, ed il loro papà, si trasferiscono in una casa di campagna.
Una leggenda del posto racconta che il bosco, che si trova dietro la casa dove si sono appena trasferite, sia abitato da strane creature.
Quando le due bambine vedranno con i loro occhi i Totoro, questo é il nome delle creature (assomiglianti a delle grosse palle di pelo), scopriranno un mondo magico, e vivranno dei momenti indimenticabili insieme ai loro nuovi “amici”.

IMMAGINI clicca per ingrandire

CURIOSITA’

– Soggetto e regia sono di Hayao Miyazaki; la storia, in effetti, è in parte una biografia dello stesso autore, che da bambino dovette trasferirsi con il fratello in campagna proprio a causa della malattia della madre. Anche il paese, i campi, e tutto il circondario sono luoghi in cui l’autore ha vissuto la sua infanzia.
– Il pelouches di Totoro appare nel film della Disney “Toy Story 3”
– Totoro è diventato, in seguito, il simbolo dello Studio Ghibli
– Seppure breve, questo film è un vero spaccato di vita giapponese dell’immediato secondo dopoguerra: i pochi mobili trasportati sul vecchio camioncino, i piccoli templi in cui vegliano i kami (spiriti), l’arredamento povero della casa, il bagno con le sue vasche rotonde dove la famiglia fa il bagno assieme.
– Il kami Totoro non esiste, l’ha inventato Miyazaki pescando nel bestiario dei viventi

DOPPIATORI

PERSONAGGI – DOPPIATORI ORIGINALI – DOPPIATORI ITALIANI
Totoro – Hitoshi Takagi – Vittorio Amandola
Mei Kusakabe – Chika Sakamoto – Lilian Caputo
Satsuki Kusakabe – Noriko Hidaka – Letizia Ciampa
Tatsuo Kusakabe – Shigesato Itoi – Oreste Baldini
Yasuko Kusakabe – Sumi Shimamoto – Roberta Pellini
Kanta – Toshiyuki Amagasa – George Castiglia
padre di Kanta – Masashi Hirose
madre di Kanta – Hiroko Maruyama
Nonnina – Tanie Kitabayashi

LINK inerenti alla serie

Materiale su “Il mio vicino Totoro” presente su questo sito:

Altre opere di Hayao Miyazaki presenti sul sito:

COMMENTI

– Hai visto questa opera e vuoi recensirla, consigliarla o sconsigliarla agli altri utenti del sito? Basta solo che scrivi un Commento qua sotto! – Oppure leggi i Pareri all’opera dati dagli altri visitatori del sito, sempre qua sotto!

5
Lascia una recensione

Please Login to comment
5 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
5 Comment authors
JapanLove98MarichanRanma Saotomejunko ko.Mr.mister Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
più nuovi più vecchi
Notificami
JapanLove98
Bazarino

Ed eccolo qui, il simbolo dello Studio Ghibli, l’essenza. Ho guardato Totoro qualche anno fa, quando avevo circa 17-18 anni. E’ stata una visione molto magica e leggera, che però, data la mia età, mi ha permesso di capire moltissimo sul film e di accettare quelle “voci” che girano sul film di Totoro. Penso che questo film d’animazione non sia da guardare alla leggera: si deve guardare e osservare attentamente ogni piccolo dettaglio perchè si nascono delle realtà meno carine di quanto si possa pensare.
Nonostante tutto è la base e ìd emblema dello Sydio Ghibli e di hayao Miyazaki, il grande maestro, quindi è per forza meraviglioso!

Marichan
Staff

– commento di Dana –

Il design dei personaggi è abbastanza diverso da quelli dei precedenti film di Miyazaki; i volti dei personaggi sono meno belli, ma molto espressivi. Le bimbe, specie la piccola, sono decisamente bruttine.

Tutto nel film è disegnato con la massima cura: dal palo rovinato della veranda, alla pannocchia di mais, ai sandali delle bimbe. Meravigliosa e viva in se stessa la natura, i verdi campi che ricorrono ovunque.

Bella l’animazione, vividi i colori.

Ranma Saotome
Bazarino
Ranma Saotome

Ah, il vecchio totoro… *_*
Senza dubbio uno degli anime più bello usciti dallo studio ghibli! Credo che da molti sia sottovalutato, ma a mio parere è davvero, davvero un anime bellissimo, ricco di magia e semplicità!
Tra le scene più belle dell’anime c’è sicuramente quella in cui Mei e Satsuki arrivano insieme al padre alla casa nuova e la esplorano felici e sorridenti; per non parlare quella in cui le due ragazzine aspettano il padre alla fermata dell’autobus con l’ombrello e prestano l’ombrello destinato al padre a Totoro, che si diverte! XDDD

junko ko.
Bazarino
junko ko.

oddio, totoro!! terza opera di miyazaki che ho visto!! si tratta di un film semplice, adatto a tutti, ma che riesce comunque ad incantarti! infatti il tratto è, come sempre, molto bello e curato, i fondali ricchi de particolari e dettagli, le musiche sono graziose e contribuiscono a creare un clima magico e poetico. inoltre, non si può rimanere indifferenti davanti a totoro e a tutti gli altri spiritelli del bosco, perchè, insomma, chi non ama totoro??? se poi consideriamo il fatto che questo è riuscito anche a far sciogliere anche la mia famiglia (molto scettica nei confronti di questo mondo e questo tipo di opere), può essere davvero ritenuta un’ opera adatta a tutti, “formato famiglia”, apprezzabile e assolutamente da guardare!!

Mr.mister
Bazarino
Mr.mister

Il mio vicino Totoro è il film simbolo dello studio Ghibli. Questo film è un’opera originale, nel senso che non è stato tratto da romanzi o manga. La bellezza del filom sta nella capacità di descrivere la vita di una famiglia negli anni del dopoguerra. A farla da padrone è il verde, la campagna e i boshi. Mentre nelle alte sue opere c’è una critica alle azioni umane nei confronti della natura, Totoro è un film che si limita a far vedere la natura stessa. Non so se sia il miglior film di Miyazaki, ma lo consiglio vivamente.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca prima su "maggiori informazioni" e poi su "Accetto" se desideri continuare MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per informazioni vedi Privacy Policy

Chiudi