anime – LUPIN III: LA PRIMA SERIE (Rupan Sansei: Part I) – di Masaaki Osumi, Hayao Miyazaki, Isao Takahata

A cura di Alice Gaglio

SCHEDA

Titolo originale: Rupan Sansei
Titolo internazionale: Lupin III: Part I – Lupin the 3rd
Genere: serie tv – seinen – azione, avventura, mistero
Rating: consigliato ad un pubblico maturo
Numero episodi: 23 (concluso)
Anno di uscita in Giappone: 1971
Rete tv giapponese: Wowow
Tratto: dal manga di Monkey Punch, a sua volta ispirato ai romanzi di “Arsène Lupin” di Maurice Leblanc.

Registi: Masaaki Osumi, Hayao Miyazaki, Isao Takahata
Character design: Yasuo Otsuka
Musiche: Charlie Kosei e Takeo Yamashita
Studio di animazione: Tokyo Movie

Titolo in Italia: Lupin III – La Prima Serie
Anno di pubblicazione in Italia: 1979
Trasmissione in tv: trasmesso prima da alcune tv locali, poi su Italia Uno e replicato su reti Mediaset
Censura nella trasmissione televisiva:
Edizione italiana italiana: edito in dvd dalla Yamato Video in versione integrale (sia in versione singola che in Box Speciali con tutte e tre le serie tv), i sottotitoli integrano i dialoghi censurati o non doppiati all’epoca

Sigle:

Sigle iniziali giapponesi:
1: “Lupin Sansei Sono 1” di Charlie Kosei (eps 1-3)
2: “Afro Lupin ’68” di Charlie Kosei (eps 4-15)
3: “Lupin Sansei Sono 3” di Yoshiro Hiroishi (ep 16 – 23)
Sigla finale giapponese:
“Lupin Sansei Sono 2” di Charlie Kosei

Sigla italiana:
“Planet 0” del gruppo “Daisy Daze and the Bumble Bees”

TRAMA

L’anime racconta le illegali vicende del ladro Arsenio Lupin III. In ogni puntata ,aiutato dai suoi amici Daisuke Jigen e Goemon Ishikawa XIII, ed ostacolato dall’ispettore Koichi Zenigata, Lupin tenterà di rubare un prezioso monile (che sia un quadro, un gioiello o una penna poco importa!), ma non sempre il furto va a buon fine: Fujiko Mine, infatti, è sempre all’erta per portargli via il bottino!

IMMAGINI clicca per ingrandire

L’ANTI-EROE DIVENTA EROE-PROTAGONISTA: LUPIN III

Il 24 ottobre 1971 sul palinsesto televisivo nipponico fa la sua prima comparsa un’anime destinato a divenire un cult dell’animazione : Lupin III. Prima di iniziare ad analizzare questa serie animata, vorrei chiarire le definizioni di antagonista/protagonista e di eroe/anti-eroe.

Nel pensiero comune, infatti, si è instaurata la falsa convenzione che il binomio eroe/protagonista e anti-eroe/antagonista combacino perfettamente in ogni opera letteraria, cinematografica o televisiva. Ma questo non è sempre vero. L’antagonista, in una storia, può essere diegetico, extradiegetico o entrambi, non solo, può coincidere talvolta con l’eroe oppure con l ‘anti-eroe. Per farvi capire meglio vi farò qualche esempio di antagonista nel film Batman e Batman- il ritorno di Tim Burton. Nel film Batman del 1989 il nemico dell’uomo pipistrello è Joker. In questo caso possiamo parlare di antagonista anti-eroe (in quanto Joker va effettivamente contro Batman) e antagonista diegetico (in quanto Joker è all’interno della scena ed è palpabile e reale). Nel film Batman- il ritorno del 1992, l’antagonista non è così semplice da individuare come nel primo caso. A prima vista potremmo dire che questo ruolo sia rappresentato da Pinguino. Ma è davvero cosi? Pinguino non è pazzo e cattivo per natura come lo era Joker, lo è diventato a causa del rifiuto, dell’odio e dell’emarginazione della società nei suoi confronti. In questo secondo caso il vero antagonista è la società di Gotham che non fa altro che produrre criminali, ed è quindi extra diegetico ovvero non percepibile dai 5 sensi. Il povero Pinguino non è che il risultato dell’odio, divenendo così solo anti-eroe e non l’antagonista di Batman. Ma torniamo a Lupin III. Nell’anime il senso comune viene completamente rovesciato e Lupin l’anti-eroe diviene il protagonista, mentre il povero ispettore Zenigata diviene l’antagonista-eroe. Un gran paradosso! Ma non è ancora finita, in Lupin, infatti, c’è una seconda analisi da affrontare. L’immagine del ladro gentiluomo non nasce con l’anime, ma si sviluppa in corso d’opera.

La prima serie, riconoscibile dalla giacca verde di Lupin, può essere divisa in due parti: la prima comprende le prime 6 puntate, la seconda le restanti 16. Non a caso il cambiamento coincide con l’abbandono del regista Masaaki Osumi e con l’assunzione di Hayao Miyazaki e Isao Takahata. Le prime sei puntate riprendevano molto il manga di Monkey Punch ( dal quale è tratto l’anime), ed erano quindi molti violente, cariche di allusioni sessuali e incentrate non tanto sull’ umorismo quanto su storie complesse. Il moderno Lupin riusciva, grazie alla sua astuzia e al suo talento nei travestimenti, a portare a termine i colpi più sensazionali e se qualcosa andava storto non esitava ad uccidere. Grande attenzione è stata data ai dettagli delle automobili, alle armi e agli oggetti di valore. Lupin era sì il protagonista, ma rappresentava decisamente l’antieroe dell’anime. Osumi e i suoi sceneggiatori avevano impostato la serie fino al 12° episodio, e alcuni episodi erano già entrati in fase di disegno. Quando Miyazaki e Takahata vengono chiamati per cambiare la serie, si trovano costretti a eliminare completamente circa 5 episodi, provocando una diaspora tra gli sceneggiatori. I due risistemano gli story-board a partire dal 6° episodio, intervenendo più sugli oggetti che sulla storia e i personaggi. Da simpatizzante marxista, Miyazaki non riesce a vedere Lupin alla guida della Mercedes Benz SSK del ’28 (posseduta anche da Hitler) così sostituisce l’auto con un’utilitari: la Citroen 2CV o la Fiat 500. Inoltre, da appassionato di volo e aerei non manca di inserire nelle puntate oggetti volanti di ogni genere. Dal 14° episodio si fa sempre più visibile l’intervento di Hayao. Il regista riesce a imprimere maggior grazia e un umorismo più fine, sublimando l’erotismo e stemperando la violenza del manga originario: il suo Lupin usa maggiormente l’astuzia e sempre meno le armi. Il protagonista perde, così, il suo aspetto anti-eroe negativo, divenendo un anti-eroe da ammirare.

La seconda serie, riconoscibile dalla giacca rossa di Lupin, porta avanti la strada aperta da Miyazaki. I registi, nella seconda serie sono molti e cambiano di puntata in puntata. Le storie sono prevalentemente caratterizzate da toni di commedia, d’azione e da un ritmo vivace non mancano tuttavia parentesi drammatiche, talvolta anche molto amare. Rispetto alla prima serie , c’è uno studio più approfondito sulla psicologia dei personaggi ed i loro ruoli sono fissati in modo più stabile, scivolando però talvolta nello stereotipo: Lupin è caratterizzato come una simpatica canaglia un po’ buffona, che sa tirare fuori al momento adatto risorse imprevedibili, ma viene regolarmente ingannato da una Fujiko spregiudicata e calcolatrice; Jigen, di cui viene accentuato il carattere scontroso e riservato, e Goemon, saldamente ancorato all’antica morale dei samurai; Zenigata è presentato come goffo e ingenuo, puntualmente beffato da Lupin. Vengono inoltre più volte sottolineate le capacità fuori dal comune dei personaggi (l’abilità nei travestimenti di Lupin, la mira infallibile di Jigen, la facoltà di Goemon di tagliare ogni cosa con la sua spada), che, insieme al ricorso a elaborati stratagemmi e tecniche bizzarre, rendono spesso le loro imprese poco verosimili, ma al tempo stesso molto amate. Gli episodi sono di volta in volta ambientati in diversi paesi del mondo, e abbondano caricature di personaggi famosi, parodie e riferimenti storici, mitologici, letterali, teatrali, cinematografici e così via. Lupin, nonostante la sua infallibile maestria nel rubare, diviene sempre più simile a noi e il fatto che sia un ladro passa decisamente in secondo piano; il salto da anti-eroe a eroe ormai è avvenuto.

La terza serie, riconoscibile dalla giacca rosa di Lupin, compie una svolta controcorrente. L’anime torna a riprendere spunti dal manga, senza, però, riprenderne le intere vicende. Cambia anche lo stile che diventa più caricaturale e grottesco. Il carattere dei personaggi, però, non viene modificato. Purtroppo, dopo un ottimo avvio, la serie proseguirà in modo discontinuo, registrando soprattutto nella seconda metà numerose cadute qualitative sia nelle sceneggiature che nelle animazioni. In Italia questa serie è stata colpita in maniera massiccia da una censura diretta ad eliminare anche il più piccolo riferimento sessuale (ed in generale ciò che lo spietato occhio del censore ha giudicato degno di taglio). Il risultato è stato che alcuni episodi sono divenuti semplicemente incomprensibili .

Bibliografia
A.Bencivenni, Hayao Miyazaki. Il dio dell’anime, Le mani, Genova, 2003.
http://www.droni.it/enrico/lupin/.
http://www.lupinencyclopedia.com/.
Sara Galletti, Il ruolo dell’antagonista nel cinema di Tim Burton, Tesi di laurea arti e scienze dello spettacolo La Sapienza, Roma, 2010

DOPPIATORI

PERSONAGGI – DOPPIATORI GIAPPONESI – DOPPIATORI ITALIANI
Arsenio Lupin III – Yasuo Yamada – Roberto Del Giudice
Daisuke Jigen – Kiyoshi Kobayashi – Germano Longo
Goemon Ishikawa XIII – Chikao Ohtsuka – Enzo Consoli
Fujiko Mine – Eiko Masuyama – Serena Spaziani
Isp. Koichi Zenigata – Gorô Naya – Enzo Consoli

OPERE RELATIVE

Anime – Serie tv
2- Le nuove avventure di Lupin III – sequel
3- Lupin l’incorreggibile Lupin – sequel
4- Lupin III l’avventura italiana  sequel
5- Lupin III: part V – sequel
Lupin III:  la donna chiamata Fujiko Mine – prequel/spinoff

Anime – OAV
1- Lupin III – La cospirazione dei Fuma
2- Lupin III – Il ritorno di Pycal
3- Lupin III – Verde contro rosso

Film d’animazione
1- Lupin III – La pietra della saggezza
2- Lupin III – Il castello di Cagliostro
3- Lupin III – La leggenda dell’oro di Babilonia
4- Lupin III – Le profezie di Nostradamus
5- Lupin III: Dead or Alive
-film crossover – Lupin Terzo vs Detective Conan il film
-film speciale – Lupin III – La tomba di Jigen Daisuke
-film speciale Lupin III – Uno schizzo di sangue per Goemon Ishikawa

Special
1- Lupin III – Bye Bye Liberty: Scoppia la crisi!
2- Lupin III – Il mistero delle carte di Hemingway
3- Lupin III – Ruba il dizionario di Napoleone!
4- Lupin III – Il tesoro degli zar
5- Lupin III – Viaggio nel pericolo
6- Lupin III – Spada Zantetsu, infuocati!
7- Lupin III – All’inseguimento del tesoro di Harimao
8- Lupin III – Il segreto del Diamante Penombra
9- Lupin III – Walther P38
10- Lupin III: Tokyo Crisis – Memories of Blaze
11- Lupin III: L’amore da capo – Fujiko’s Unlucky Days
12- Lupin III – 1$ Money Wars
13- Lupin III – Alcatraz Connection
14- Lupin III – Episodio 0
15- Lupin III – Un diamante per sempre
16- Lupin III – Tutti i tesori del mondo
17- Lupin III – Le tattiche degli angeli
18- Lupin III – La lacrima della Dea
19- Lupin III – L’elusività della nebbia
20- Lupin III – La lampada di Aladino
special crossover – Lupin III vs Detective Conan
21- Lupin III – L’ultimo colpo
22- Lupin III – Il sigillo di sangue, la sirena dell’eternità
23- Lupin III – La pagina segreta di Marco Polo
24- Lupin III – La principessa della brezza: La città nascosta nel cielo
25- Lupin III – Partita italiana

Videogames
Le avventure di Lupin III – Lupin la morte, Zenigata l’amore

LINK inerenti alla serie

Materiale su “Lupin III” presente sul sito:

Altre opere di Hayao Miyazaki presenti sul sito:

Altre opere di Masaaki Osumi presenti sul sito:

Altre opere di Isao Takahata presenti sul sito:

RECENSIONI

– Hai visto questa opera e vuoi recensirla, consigliarla o sconsigliarla agli altri utenti del sito? Basta solo che scrivi un Commento qua sotto! – Oppure leggi i Pareri all’opera dati dagli altri visitatori del sito, sempre qua sotto! – Puoi anche discuterne sul nostro Forum.

2
Lascia una recensione

Please Login to comment
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
2 Comment authors
TheBattlerGaluRanma Saotome Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami
TheBattlerGalu
Bazarino
TheBattlerGalu

Che dire? Una serie storica, un must per tutti gli appassionati di anime, che sicuramente avrete visto almeno una volta in tv, che vi sia piaciuto o meno…no, seriamente, come fa a non piacervi Lupin? E’ simpaticissimo ed anche figo, un vero e proprio ladro gentiluomo, seppur pervertito XD Ed è anche geniale. E poi ci sono tutti gli altri personaggi: c’è Jigen che non cambierei con nulla al mondo, Goemon che è uno dei samurai più fighi che ci siano mai stati, Fujiko che è la tipica ragazza bellissima ma str—emh, cattiva, specie con Lupin XD E poi c’è l’emblema della simpatia: Paparino, Zazà. Per quanto gli episodi abbiano tutti più o meno lo stesso svolgimento è sempre un piacere rivederli. Poi ci sono i film che sanno essere davvero fighi e spettacolari, e adesso mi sto anche interessando a tutti i vari OAV di questa opera, finora ho visto solo “La Donna Chiamata Mine Fujiko”, che seppur sia su un tono diverso rispetto alla serie originale, è comunque davvero molto buono. Insomma, nemmeno vi consiglio di andare a vedervi Lupin perché do per scontato che tutti lo abbiate visto. Al massimo aggiornatevi con OAV e film perché anche quelli sono molto buoni

Ranma Saotome
Bazarino
Ranma Saotome

Che bello Lupin *_*
Però un po’ mi dispiaceva che tutti i suoi colpi andavano a vuoto! XD

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca prima su "maggiori informazioni" e poi su "Accetto" se desideri continuare MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per informazioni vedi Privacy Policy

Chiudi