manga – I CAVALIERI DELLO ZODIACO: THE LOST CANVAS – IL MITO DI ADE – EXTRA – di Shiori Teshirogi

A cura di Carlo

SCHEDA

Titolo originale: Saint Seiya – The Lost Canvas – Meiho Shinwa – Gaiden
Titolo internazionale: Saint Seiya – The Lost Canvas – Myth of Hades – Anecdotes (il titolo è riportato all’interno dei volumetti sulle pagine aggiuntive)
Autrice: Shiori Teshirogi
Genere: shounen – azione, combattimenti, fantasy, mito
Rating: consigliato ad un pubblico maturo
Anno di pubblicazione in Giappone: maggio 2011 (i capitoli dei primi 5 volumetti hanno avuto pubblicazione settimanale su “Weekly Shonen Champion”. A partire da giugno 2012 i capitoli sono pubblicati sul nuovo mensile dell’Akita “Shoten Bessatsu Shônen Champion”, il cui primo numero è uscito a giugno 2012)
Casa Editrice giapponese: Akita Shoten
Volumi: 16 (concluso)

Titolo in Italia: I Cavalieri dello zodiaco – The Lost Canvas – Il Mito di Ade – Extra
Traduzione: Giacomo Calorio
Anno di pubblicazione in Italia: novembre 2012
Casa Editrice italiana: Planet Manga
Volumi: 16 (concluso)

TRAMA

Serie di volumi speciali dedicati ognuno ad un Cavaliere d’Oro apparso nell’opera I Cavalieri dello Zodiaco: The Lost Canvas – Il mito di Ade: ogni Cavaliere ha un volume a lui dedicato.
Le avventure narrate in questi volumi non sono tutte collegate alla guerra sacra del Canvas (nella maggior parte dei casi vediamo gruppi di nemici creati ex-novo) e prevedono che a fianco del Cavaliere protagonista ci sia una spalla giovane (spesso un ragazzino/a di circa dieci anni) con cui il lettore possa identificarsi, offrendo anche un piccolo approfondimento sui Cavalieri d’Oro di cui la Teshirogi non ha rivelato il passato nella serie regolare.

ATTENZIONE: POSSIBILI SPOILER!

Spoiler title
Volume 1: Pisces (capitoli 01-09)

La prima storia è l’adattamento a fumetti del CD Drama uscito in Giappone nel 2010 (Albafica Gaiden: Aku Kizuna) in cui veniva narrato il passato di Albafica (abbadonato in un campo di rose velenose e cresciuto come un figlio dal suo predecessore nonché maestro Lugonis) e la sua missione sull’Isola dei Guaritori (un’isola poco distante dal Santuario dove crescono varie erbe mediche di cui si servono anche i Cavalieridi Atena e gli abitanti di Rodorio) dove sì è risvegliata la stella malefica dello Specter della Driade, tale Luco: un individuo molto somigliante a Rugonis, che possiede dei mughetti capaci di annullare il veleno delle rose del Cavaliere dei Pesci.
Il manga segue la trama del CD, salvo alcuni particolari:

*Ruko non è più un sosia di Lugonis, ma suo fratello minore. Inoltre prima di diventare uno Specter era il maestro guaritore di quell’isola ed ha il potere di manipolare le piante.

*Viene introdotto il personaggio del piccolo Pefko, allievo di Lugonis prima che lui diventasse uno Specter. Nella versione a fumetti è infatti lui a guidare Albafica sull’isola, dopo essere giunto al Santuario per dare l’allarme che vi sono comaprsi degli Skeletron, i soldati semplici degli Specter. Nella versione a fumetti Luco ha acconsentito a diventare uno Specter per salvare la vita a Pefkos, il quale aveva contratto un male che il guaritore non riusciva a curare.

*I mughetti usati da Ruko non solo inibiscono il veleno delle rose di Albafica, ma sono ei fiori infernali che lo Specter usa per trasformare i suoi pazienti in sudditi di Ade, attraverso l’uso di medicinali ricavati da essi.
Se sono uomini si trasformano in soldati semplici, mentre se donne nelle serve vestite di nero introdotte dal Canvas regolare.

Volume 2: Scorpio (capitoli da 10 a 18)

Il secondo volume della serie ha come protagonista Cardia dello Scorpione, accompagnato come spalla da una giovanissima Sasha, giunta al Santuario da poco e “rapita” da un Cavaliere dello Scorpione che non sopportava di verdela piangere ed inconsapevole della vera identita della bambina.

A partire da questo volume viene introdotta la formula Arrivo del Cavaliere – Incontro con la spalla – Presentazione del nemico principale – Scontro con i nemici minori – Scontro col Big Boss, su cui (grossomodo) si svilupperanno anche nella maggior parte delle prossime storie.

La storia vede i due giungere in un villaggio messicano ed imbattersi nei Giaguari, i guerrieri bestiali al servizio del dio azteco Tezcatlipoca (il giaguaro nero) e nei piani del loro sacerdote Wesda, il quale mostra interesse verso una giovane oste di nome Calbera con cui Cardia e Sasha fanno amicizia.
Calbera è l’ultima discendente dei sacerdoti di Queztacoatl (il serpente bianco piumato, che mitologia meso-americana riporta come antitesi e controparte di Tezcatplipoca) e unica persona in grado di evocare i poteri del suo dio, di cui il sacerdote ha bisogno per portare a termine il suo piano.

Viene infatti rivelato che i due dei aztechi non sono altro che esseri di un altro mondo, scesi sulla Terra per supervisionare l’evoluzione umana. Nel caso Tezcatlipoca avrebbe giudicato l’umanità impura avrebbe cancellato la vita dalla Terra, che Queztacoatl avrebbe poi rigenrato per poi tornarsene sul loro pianeta (sì, sono entità aliene).
Nella storia vediamo infatti Wesda che (preoccupato per un’espansione e le conseguenze della Rivoluzione Industriale, iniziata effettevitamente in quegl’anni) decide di risvegliare il suo dio utilizzando il calore genrato dal cuore di Cardia, impiantandogli una zanna di ossidiana (il Tlacotli) che in due giorni avrebbe raggiunto il muscolo cardiaco del Cavaliere e dato la forza del suo cuore a Tezcatlipoca, liberandolo dalla sua prigionia.

Il gaiden mostra anche una passione di Cardia per le mele, che la Teshirogi (in una nota pubblicata sul quarto volume di Anecdotes) ha rivelato essere un omaggio al personaggio originale di Milo (in greco “milo” significa “mela”).

Va infine segnalato che nel volume viene aggiunto un mini capitoletto di quattro pagine, intiolato “Scoprion Track: Interlude”, che narra di come un Cardia decenne (deciso a non sprecare la sua vita malgrado sapesse che non sarebbe stata lunga) sia giunto al Santuario dopo essere scappato dal sanatorio dov’era ricoverato, e qui abbia incontrato colui che vide in lui il potenziale per diventare Saint e per padroneggiare lo Scarlett Needle Katakayo: Krest dell’Acquario.

Volume 3: Aquarius (capitoli 19-27)

La storia del terzo volume si svolge poco tempo dopo il precedente (viene infatti visto un Cardia al corrente della vera identità di Sasha, cosa che scopre alla fine del secondo gaiden) ed ha come protagonista Degel dell’Acqaurio, infiltratosi con l’aiuto dell’amica Serafina (principessa di Blue Grado) al ricevimento per il compleanno della misteriosa nobile francese Garnet, nel cui territorio sono misteriosamente scomparse molte persone. Non ultimo Krest: maestro e predecessore di Degel, nonché Saint sopravvisutto alla guerra sacra contro Ade del 1200 ed ancora in vita grazie al Misopethamenos.
Malgrado la presenza di Serafina, il ruolo di spalla spetta però ad una giovane cameriera del palazzo di Garnet: Flourite, figlia di uno scrittore del villaggio misteriosamente scomparso nei pressi della reidenza della nobildonna.

Il terzo gaiden presenta la particolarità di avere nemici originali che non sono fedeli ad alcuna divinità: Garnet è infatti una donna entrata in possesso di una pietra magica chiamata Granato della Vouivre (una versione francese della viverna, caratterizzata proprio dall’avere un granato sulla fronte) che le dona vari poteri: fra cui quello d’incantare le persone con la sua voce e la sua bellezza (bellezza che mantiene assorbendo l’energia vitale delle persone) e di evocare gli spiriti delle varie pietre preziose, a cui ha donato la forma di un gruppo di ragazzi pre-adolescenti che ha denominato “Gemme”.

Scopo di Garnet (con cui Krest si scopre essersi alleato dopo aver assistito a più di 500 anni di battaglie e morti) è quello di portare la pace nel mondo utilizzando la sua eterna bellezza e la sua voce, anche se ciò vorrebbe dire che persone innocenti dovrebbero sacrificarsi per la bellezza della donna (sebbene secondo Krest e Garnet sia un numero notevolmente minore rispetto alle vite perdute in guerra).
Simpaticamente il gaiden rivela anche l’origine degli occhiali di Degel; dono di Flourite dopo che gli occhi del Cavaliere sono stati danneggiati dagli attacchi di Krest, i quali utilizzano non solo il ghiaccio ma anche i riflessi di luce da esso creati.

Nella nota del quarto volume di Anecdotes viene riferito che la storia avrebbe dovuto prevedere una scena di lotta fra Serafina e uno delle Gemme di Garent (Carnelian, l’unico di loro nella storia a morire off-screen) rivelando che la principessa conosce l’attacco Blue Impulse, usato nel manga classico dal suo discendente Alexer.

Volume 4: Cancer (capitoli 28-36)

Eccoci arrivati al mio volume preferito: quello dedicato al Cavaliere del mio segno ed ambientato a Venezia.

La storia del quarto volume si svolge nello stesso periodo dei due precedenti (nel quarto capitolo si assite al primo incontro tra Sasha e Hakurei) e ci mostra un’avventura di Manigoldo (in coppia con Albafica) tra i calli e i campelli della Serenissima per indagare sulla misteriosa organizzazione criminale Nero, diretta segretamente dai cinque Cavalieri Neri che uccisero il custode dell’Isola Death Queen circa dodici anni prima. Ad accompagnare i due Cavalieri c’è la giovane ladruncola venziana Gioca, che si scoprirà poi essere l’unica figlia soppravissuta del custode dell’isola nera.

Il big bad della stora è il capo di Nero: Don Avido dell’Altare Nero, ex-allievo ribelle di Hakurei. Una versione giovanile del suo maestro (unico Black Saint in Lost Canvas ad essere uguale alla sua controparte) con una cicatrice sull’occhio destro (No! Non è guercio) e il sigaro in bocca in grado di manipolare il Seishiki.
Come s’intuisce dal suo nome lo scopo di Avido è quello di possedere più oro e… anime, in modo da ottenere sempre più potere (un maggiore numero anime incrementa la forza dei colpi di Avido basati sul Seishiki). Va infatti detto che ogni capo di Nero ha un nome che indica il suo principale difetto. Ne sono un esempio Laimargos (goloso in greco) e Alegre (alticcio in portoghese), rispettivamente Black Saint di Ercole e Balena.

Nella storia del gaiden ricopre un ruolo importante anche la maschera indossata da Guiltuy nella serie classica, che l’artbook Cosmo Special indicava come simbolo del custode dell’ Isola Death Queen e che impediva ai Cavalieri Neri di lasciare l’isola. La Teshirogi fornisce una sua spiegazione al funzionamento della maschera, dotandola del potere di “purificare” i Black Cloth rendendoli bianchi ed inutilizzabili. Tale potere può però essere attivato solo da un appartente alla famiglia dei custodi, come Gioca appunto.
La maschera sarà poi riportata dal Santuario all’isola, dove Gioca arriverà anni dopo (viene detto nel gaiden e poi mostrato in un’illustrazione aggiuntiva del volume) e la stirpe dei custodi continuerà fino a Guilty.

Volume 5: Capricorn (capitoli 37-45)

Il quinto volume è dedicato al Cavaliere del Capricorno El Cid e narra di una delle sue missioni d’indagine sulle divinità sogni (già accennate negli OAV), oltre a mostrarci il suo incontro con Lacaille (uno dei suoi tre allievi e futuro Saint della Poppa).
La data in cui si svolge non è chiara poiché Lacaille dimostra più o meno l’età che ha nella serie regolare.

Il gaiden rivela infatti come gli Oneroi vennero liberati da un sigillo che Atena pose su di loro dopo che ebbero distrutto la città-stato di Catalania (situata in medio oriente o in Africa settentrionale a quanto sembra dai disegni) per mano di Felser, un ex-compagno d’addestramento di El Cid, e di come quest’ultimo strinse poi un patto col quinto di loro, Fobetore (nella mitologia greca Fobetore era un altro nome di Icelo, mentre nella storia del Canvas sono due personaggi diversi): in cambio della relizzazione del sogno di Felser, il ragazzo avrebbe offerto al dio l’ardore dei partecipanti e degli spettatori di un torneo di spadaccini che si sarebbe tenuto in un regno di Cataliania restaurato dal potere della divinità, dotandolo di un’armatura nera e della spada demoniaca Zanouki (letteralmente demonio taglia teste dei fiori di ciliegio), in grado di tagliare perfino le dimensioni. Scopo del dio è quello di accumulare ardore per cibare sé stesso e la propria famiglia, in quanto “l’ardore nutre i sogni” come viene più volte detto nel gaiden)
El Cid s’iscrive quindi al torneo per investigare su quella città misteriosamente apparsa come se fosse un miraggio.

La storia introduce poi anche il personaggio di Mine: una forgiatrice di katane amica di Felser e di El Cid, morta prematuramente a causa di una malattia (potrebbe essere tisi a giudicare dai disegni, anche se nel manga si parla solo di una non meglio specificata “malattia al torace”) e di cui versione onirica riappare nella Catalania ricreata da Felser e Fobetore come principessa della città.

Va detto che la vicenda del gaiden è molto influenzata dall’approccio orientale all’arte della spada e alla sua forgiatura (se avete visto il film Hero potete averne un’idea), tant’è che lo stesso El Cid dice più volte di essersi allenato per diventare “una spada sacra” e nel secondo capitolo il padre di Lacaille gli dice che deve essere più una spada di tipo “amagire” (ossia più sottile e resistente) che una “nagaire” (più dura, ma anche più fragile). Inoltre il sogno della stessa Mine era quello di arrivare a creare una spada in cui far risiedere lo spirito di chi la brandisce (ossia creare una spada sacra “materiale”, opposta all’Excalibur di El Cid che è una spada spirituale, come ben sappiamo).
So che quello de “la spada è nell’uomo e l’uomo è nella spada” è un concetto molto difficile da capire per un occidentale, ma essendo il concetto alla base del personaggio di El Cid una menzione la trovo d’obbligo!

Volume 06: Libra (capitoli 46-49)

Il gaiden dedicato al futuro “Vecchio Maestro” è il primo ad essere publicato mensilmente, e conta un numero di capitoli inferiore ma con più pagine rispetto a quelli delle storie uscite in versione settimanale.

Dodici anni dopo la fine della Guerra Sacra, Dohko riceve la visita del suo amico Hao da cui apprende che negli ultimi tempi la Cina è devastata da varie calamità naturali, che si scopriranno poi essere legate ad un cambiamento avvenuto nella mitica terra di Xian Jin un luogo posto fra il mondo umano e quello degli spiriti (non è speificato se s’intenda spiriti dei morti, o spiriti naturali ma molti indizi della storia puntano verso quest’ultima ipotesi come la parola Xian che indica proprio gli spiriti naturali) e base dei chierici guerrieri noti come Taonia, i quali hanno il compito di proteggere la pace del paese. Lo stesso Dohko si era in passato allenato a Xian Jin come Taonia prima di diventare un Cavaliere, e il suo tatuaggio della tigre è infatti legato al suo addestramento in quel luogo, poiché ogni Taonia possiede un tatuaggio che rappresenta l’animale corrispondente alla propria “forma interiore”.

Nella storia, Senkyo è stata conquistata dal Taonia di Hakutaku (nome giapponese di una bestia mitologica cinese nota come Bai-ze) Fei-yan, il quale ha assorbito i poteri del Drago Bianco che protegeva quel luogo, pietrificandolo e alterando così l’equilibrio della natura. Fei-yan si pone alla guida dei Taonia insieme alla sorella Mudan del Passero, e manda un piccolo gruppo di guerrieri ad uccidere Dohko, convincendoli che è stato il Cavaliere della Bilancia ad attirare sulla loro terra il malaugurio che ha pietrificato il drago, poiché sà che solo il Dohko può opporsi ai suoi piani di conquista del mondo, malgrado lo stesso Fei-yan possieda il potere di poter osservare tutto quello che succede in altri luoghi.

Appreso cosa sta succedendo nel luogo che lui considera come una “seconda patria”, Dohko si reca nello Xian Jin insieme a Liu Xing, il giovane leader della truppa di Taonia mandato ad assassinarlo nonché sosia di Tenma. Il Taonia decide infatti di seguire Dohko dopo aver appreso non solo che non è sua la responsabilità di quanto accaduto al Drago Bianco, ma che Fei-yan stesso ha inviato un sicario (Hui della Volpe a Nove Code, animale giapponese di cui però esiste anche una versione cinese) ad uccidere non solo il Cavaliere, ma anche Liu e i suoi uomini, in quanto sapeva che non si sarebbero mai schierati al suo fianco e appoggiato il suo piano di conquista.

Chiude il volumetto uno speciale di quattro pagine che mostra il momento in cui il Drago Bainco affidò un giovane Dohko al dragone dei Cinque Picchi che sarà poi suo maestro (già apparso in un flashback della storia principale di LC), prima che il giovane venga nominato Cavaliere.

Volume 07: Leo (capitoli 50-53)

Il settimo volume è ambientato anch’esso circa 5 anni prima dello scoppio della guerra sacra, e vede come protagonista un giovanissimo Regulus del Leone, mandato in missione in Irlanda per proteggere la piccola Conner Lugh, ultima sopravissuta di una casata alleata del Santuario che discende direttamente dal dio celtico della luce (Lugh) che a differenza di Atena ha abbandonato la sua forma mortale dopo la morte (gli dei irlandesi sono mortali nei poemi epici).

Il cattivo della storia è il nemico principale di Lugh, suo nonno Balor, re dei Fomori, dotato di un occhio malefico dai terribili poteri ed esperto in magia nera, tornato in vita dopo essere stato richiamato sulla Terra da Crom Chruagh, un ex-amico del padre di Conner di cui poi possiederà il corpo.

A differenza di altri dei apparsi nella storia, Balor non possiede un proprio ordine di guerrieri a sua protezione in stile “Saint” (nella storia appaiono solo dei Druidi a lui fedeli e poi lui stesso evoca una Banshee di nome Shelley), similmente la famiglia di Lugh, sebbene sia loro che i servitori (da notare che però nella storia appare solo la guardia del corpo di Conner, Fallins) sappiano usare la magia della luce.

Il concetto di mangia del gaiden è da intendersi come uso del proprio cosmo per manipolare gli spiriti esistenti nella natura intorno a sè dopo esserne entrati in contatto (collegamento con la visione del “cerchio della vita” tipico del padre di Regulus, l’ex-Cavaliere del Leone Ilias).

Anche questo volume si chiude con un Extra Track che mostra il primo incontro fra un Regulus appena investito del suo rango e Asmita, e di come il bambino riveda un po’ nel Cavaliere della Vergine suo papà

Volume 08: Virgo (capitoli 54-57)

Il giaden dedicato al Cavaliere della Vergine Asmita è ambientato circa un anno prima dello scoppio della Guerra Sacra, e vede l’uomo più vicino agli dei confrontarsi con lo Specter Avataka, l’uomo più vicino agli dei negli inferi.

Si tratta di una storia intrisa di iconografia buddista (Avataka è infatti il nome di un dio/demone buddista che divorerebbe le anime dei colpevoli, e lo Specter in questione spesso sembra essere proprio tale divinità per i suoi discorsi), e vede la partecipazione anche di Kagaho di Bennu, uno degli Specter più importanti della storia principale di The Lost Canvas.

Durante uno dei suoi viaggi negli inferi volti a fare ricerche sull’Ottavo Senso, Asmita s’imbatte nell’anima del suo vecchio amico Ahimsa, il quale è stato stranamente in grado di mantenere la sua volontà malgrado le leggi di Ade (a differenza delle altre storie il comprimario qui non è un bambino), scoprendo che lo Specter Avataka è molto interessato a questa anima e mira a farla diventare “un suo compagno” (cioè ad assimilarla come ha fatto con molte altre, in modo da poter diventare più potente di Ade diventando lui stesso la Verità dell’universo una volta raggiunta l’Illuminazione) in cambio della vita eterna e della liberazione di sua madre dagli inferi.

Interessante notare come alla fine di questa storia appaia la Ruota del Samsara, quasi ad indicare che il destino naturale delle anime umane sarebbe la reincarnazione e che l’inferno di Ade non sia altro che una creazione del dio che interferisce con questo ciclo (difatti nel manga classico per Ade è malvagio anche chi coglie un fiore o fa una biricchinata da bambino!).

IMMAGINI clicca per ingrandire

CURIOSITA’

Errori di adattamento italiano:

*Poiché in giapponese i suoni con la R e quelli con la L si scrivono nello stesso modo il nome di “Rugonis” può anche essere traslitterato come “Lugonis” (nome di un tipo di begonia, in quanto i Cavalieri dei Pesci sono legati ai fiori) sebbene sulla tomba del personaggio in caratteri latini appaia il nome “Rugonis” anche in originale
*Il nome “Vuoivre” nel gaiden di Degel viene erroneamente traslittterato in Vivre (in giapponese sarebbe Vīvuru e spesso le U in giapponese sono mute) e presentato come il nome del Casato della nobildonna, mentre è il suo simbolo araldico

Nuovi Guerrieri

La serie di volumi gaiden introduce poi nuovi ordini di guerrieri che vi presenterò:
*Giaguari (Jaguars, traduzione kanji: Guerrieri Bestiali): sono i guerrieri fedeli al dio azteco Tezcatlipoca, e la maggioranza di loro non indossa armature, ma è in grado di trasformarsi in ibridi uomo-giaguaro, ed hanno origine aliena.
Solo il sacerdote del Sole Wesda e lo scuoiatore Nahualpilli possiedono delle armature nere chiamate Nahual (lett. Vestigia di ossidiana, pietra sacra al dio-giaguaro).
Tutti i seguaci di Tezcatlipoca presentano una pelle scura e le orecchie a punta.
*Gemme (Jewels, pronuncia kanji: Bambini Gioiello): sono le guardie del corpo di Garnet: sembrano dei ragazzini pre-adolescenti, ma in realtà sono degli spiriti delle pietre preziose evocati dalla loro padrona grazie ai poteri del granato della Vouivre.
Non hanno bisogno di armature (a differenza di Garnet e Krest che hanno un tipo di armatura chiamato Orbe) e una volta sconfitti ritornano alla loro forma di pietra preziosa.
*Taonia (lettura kanji: Monaci Taoisti Tatuati): guerrieri Taoisti che risiedono nella terra di Xian Jin, devoti al Dragone Bianco che hanno il compito di proteggere la giustizia sul continente asiatico.
Il loro stile di combattimento si basa sull’apprendere l’uso del Qi (energia della natura), che fa poi comparire sul loro corpo un tatuaggio rappresentante l’animale (vero o mitologico) corrispondente alla propria “forma interiore”. I Taonia di alto rango sono in grado di mutare il loro tatuaggio in un’armatura di colore chiaro chiamata Tatoo.

OPERE RELATIVE

Manga
I Cavalieri dello Zodiaco – Saint Seiya opera capostipite
I Cavalieri dello Zodiaco: The Lost Canvas – Il mito di Ade
I Cavalieri dello Zodiaco: Episode G
Saint Seiya Origin
Saint Seiya Episode Zero

Serie tv, anime
I Cavaliero dello Zodiaco – Saint Seiya – opera capostipite
Saint Seiya Omega
Saint Seiya: Knights of the Zodiac serie web

Film d’animazione
I Cavalieri dello Zodiaco: La dea della discordia
I Cavalieri dello Zodiaco: L’ardente scontro degli dei
I Cavalieri dello Zodiaco: La leggenda dei guerrieri scarlatti
I Cavalieri dello Zodiaco: L’ultima battaglia
I Cavalieri dello Zodiaco: La leggenda del santuario

Oav/Special, anime
Serie Hades
1- I Cavalieri dello Zodiaco: Hades Chapter – Sanctuary
2- I Cavalieri dello Zodiaco: Hades Chapter – Inferno
3- I Cavalieri dello Zodiaco: Hades Chapter – Elisio
Altri
I Cavalieri dello Zodiaco: The Lost Canvas serie di oav

Videogames
I Vecchi Videogiochi
I Cavalieri dello Zodiaco: Hades
I Cavalieri dello Zodiaco: Il Santuario
Saint Seiya: Brave Soldiers
Saint Seiya: Soldiers’ Soul

LINK inerenti alla serie

Materiale su “I Cavalieri dello Zodiaco/ Saint Seiya” presenti sul sito:

RECENSIONI

– Hai visto questa opera e vuoi recensirla, consigliarla o sconsigliarla agli altri utenti del sito? Basta solo che scrivi un Commento qua sotto! – Oppure leggi i Pareri all’opera dati dagli altri visitatori del sito, sempre qua sotto! – Puoi anche discuterne sul nostro Forum.

1
Lascia una recensione

Please Login to comment
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Archimede Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi
Notificami
Archimede
Bazarino
Archimede

Ho letto 3 di questi gaiden, è l’unico che mi è piaciuto è quello di Albafica, il resto è ripetitivo, scontato, è dal sapore di già visto. In breve quasi inutili.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca prima su "maggiori informazioni" e poi su "Accetto" se desideri continuare MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per informazioni vedi Privacy Policy

Chiudi