manga – DRAGON BALL SUPER – di Akira Toriyama e Toyotaro

A cura di Wizard09

SCHEDA

Titolo originale: Dragon Ball Chou – Dragon ball Super – (ドラゴンボール超)
Titolo internazionale: Dragon ball Super
Autori: Akira Toriyama (storia) – Toyotaro (disegni)
Genere: shounen – combattimenti, azione, fantasy
Rating: consigliato ad un pubblico maturo
Anno di pubblicazione in Giappone: Giugno 2015 – in corso
Casa Editrice giapponese: Shueisha
Rivista: V Jump
Tratto: dalla serie tv “Dragon Ball Super“, a sua volta ispirata al manga “Dragon Ball” di Akira Toriyama
Volumi: 2 (in corso)

Titolo in Italia: Dragon ball Super
Anno di pubblicazione in Italia: 26.04.2017, in prosecuzione
Casa Editrice italiana: Star Comics
Volumi: 2 (in corso)

TRAMA

Sono passati diversi anni dalla sconfitta di Majin Bu, e sulla Terra regna nuovamente la pace.
Ma una nuova minaccia appare all’orizzonte: il dio della distruzione Beerus si è risvegliato e ha preso di mira la Terra!

IMMAGINI clicca per ingrandire

LINK inerenti alla serie

Materiale su “Dragon Ball” presente sul sito:

Discussioni sul forum:

COMMENTI

– Hai letto questa opera e vuoi recensirla, consigliarla o sconsigliarla agli altri utenti del sito? Basta solo che scrivi un Commento qua sotto!
– Oppure leggi i Pareri all’opera dati dagli altri visitatori del sito, sempre qua sotto!

Un Commento

  1. Wizard09
    Commento di Wizard09 :

    Tanti anni fa, avrei pregato in ginocchio sui ceci per avere un seguito di Dragonball, ma ero solo un adolescente sognatore come tanti che sognava di volare nel cielo e sparare un makankosappo (andavo matto per Piccolo). Negli anni poi mi resi conto che il fumetto era giunto alla sua naturale conclusione e che la serie aveva già cominciato a mostrare cedimenti fin dalla saga di Majin Bu.
    Poi arrivó Dragonball GT che in effetti non era altro che riproporre la stessa minestra, dopotutto lo stesso Toriyama si tiró fuori dal progetto. L’autore in quell’occasione ebbe tutta la mia ammirazione, ma con il tempo la fama e il denaro devono aver preso il sopravvento, perché a distanza di vent’anni dalla conclusione, Goku & co ritornano con questo improbabile “midquel”.
    Questa volta peró lo zio Akira ha preferito lasciare tutto in mano a un’altra persona, ossia Toyotaro, dedicandosi unicamente alla sceneggiatura. Scelta un po’ perdente, perché il manga è sceneggiato in maniera banale, veloce ed approssimativa. In pratica circa la prima metà del volume si rifà al film “La battaglia degli Dei”, ma visto che oltre al lungometraggio ci hanno fatto anche un anime, gli autori hanno pensato bene di non stare a disegnare piú del necessario.
    Infatti, sembra che tutto il volumetto sia stato impostato dando per scontato che il lettore sia al corrente degli eventi della saga. Quindi, per il povero sventurato che non ha avuto il “privilegio” di guardarsi il film e l’anime, tocca sorbirsi una storia frenetica e piena di buchi; come leggere un libro a cui mancano le pagine. Il tutto a volte arriva risolversi in tante piccole vignette e/o con un sacco di squallide didascalie. Sui personaggi non c’è gran che da dire: oltre a Goku, che sembra diventato piú scemo e Vegeta piú saggio, gli altri risultano tutti molto anonimi e poco approfonditi.
    Ma poi, chi è la sorella di Bulma? Perché accostare un personaggio del genere ad uno dei personaggi storici della serie? Non era meglio inserire la povera Bra? E perché Goten e Trunks sono rimasti bambini?
    Gli antagonisti invece sono banali, mediocri, alcuni sono cloni dei vecchi nemici ma senza averne la cattiveria o il carisma. Ma dove sono finiti i cattivi come Freezer e Cell?
    Sono lontani i tempi in cui si avvertiva il dramma e la disperazione di un combattimento da cui dipendeva il destino della terra. In Dragonball Super invece, le battaglie sono ripetitive, con uno schema simile e nessuna nuova tecnica e sempre con elementi comici.
    Sono rimasto davvero deluso da questo manga già dal primo volume. Pensavo che dalla versione cartacea si potessero riaggiustare alcune cose della serie animata, oppure arricchirla. Invece non è altro che l’ennesimo espediente per far soldi. Questo dimostra che l’autore della sua opera non gliene frega piú nulla. Quindi se volete davvero qualcosa che incarna davvero lo spirito dragonballiano, vi consiglio di leggere la fan art online “Dragonball Multiverse” o di giocare a Dragonball Xenoverse. Non brilleranno di certo per originalità, ma possiedono lo spirito vero e proprio della serie, con una trama alternativa basata sui viaggi nel tempo e sulle realtà parallele.
    Concludendo, forse era meglio fare un anime comics.

Lascia un commento